Sticchi Damiani: "Strefezza vogliamo godercelo: ce lo teniamo. A Pordenone tre punti pesanti"

L'esultanza dei calciatori del Lecce dopo il gol di Gargiulo
L'esultanza dei calciatori del Lecce dopo il gol di Gargiulo
di Antonio IMPERIALE
3 Minuti di Lettura
Lunedì 17 Gennaio 2022, 05:00

Buon anno, Lecce. Il messaggio arriva da Lignano Sabbiadoro con la vittoria che segna la ripresa dopo l’interminabile pausa Covid, e che vale due punti in più su concorrenti come Benevento e Monza , tre sulla capolista Pisa, quando all’orizzonte c’è già una sorta di gara spareggio con la Cremonese, domenica prossima.
«Non era facile riprendere dopo un mese di fermo - dice il presidente Saverio Sticchi Damiani -. Le incognite, dopo una sosta così lunga, sono sempre tante. Si è visto che veniva da un periodo di inattività così significativo, ma la squadra è stata sempre attenta, concentrata. Magari per la prestazione perfetta è mancato solo il gol della tranquillità, ma Gabriel è rimasto inoperoso e abbiamo la miglior difesa. La vittoria è stata davvero importante per la classifica grazie al recupero di tanti punti. Va peraltro messo in conto il palo di Olivieri ed il gol annullato al giocatore, artefice di una prestazione assai positiva, generosa come quella di Pablo, a conferma della validità di una rosa di 22 giocatori».

Mercato in fermento

Una rosa che attende l’arrivo di Asencio e che continua ad essere arricchita. Faragò, in campo nella ripresa, lo si è già visto nel vivo del gioco. «Si tratta di un giocatore con significativa esperienza in serie A, dotato di personalità. Abbiamo poi compiuto l’ennesimo sforzo con l’acquisto a titolo definitivo di un altro elemento di collaudata esperienza come Simic, un tassello di qualità nella zona centrale. Il nostro direttore Corvino vigila e cerca di cogliere l’occasione per accrescere sempre di più il livello qualitativo della squadra». A proposito di qualità, Strefezza artefice dello straordinario assist che è valso il gol di Gargiulo, sarà magari ancora nella lista di grandi squadre. «Noi vogliamo godercelo: ce lo teniamo e lui deve tenere a noi. Sta vivendo a Lecce la sua migliore annata calcistica». Potrebbe restare pure Calabresi? «Si è visto benissimo che il ragazzo è dentro, si sta trovando benissimo a Lecce, nel gruppo. Credo che sia anche lui a voler restare. Non c’è motivo perché vada via. Capisco la sua grande voglia di giocare, va contemperato tutto con le esigenze della squadra. In partenza ci saranno i nomi già noti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA