Brescia, il tifoso contro lo steward: «Da un nero non mi faccio controllare, sono razzista»

L'episodio risale a domenica 3 aprile, in occasione di Brescia-Vicenza. Il tifoso, un 57enne, punito con un Daspo della durata di un anno

Martedì 12 Aprile 2022
Brescia, il tifoso contro lo steward: «Da un nero non mi faccio controllare, sono razzista»

Un episodio di ordinario razzismo a Brescia, allo stadio Mario Rigamonti. Un tifoso della squadra di casa, di 57 anni, al momento di entrare nell'impianto e di sottoporsi ai controlli di rito, si è rifiutato. Il motivo? Il colore della pelle dello steward di origini africane che avrebbe dovuto controllarlo.

 

Leggi anche > Foggia-Catanzaro, invasioni di campo e caccia all'ex Iemmello: l'attaccante costretto a uscire tra le minacce

 

«Non mi faccio controllare da un nero, non se ne parla. Io sono razzista», ha tuonato l'uomo. Che, incurante della presenza delle forze dell'ordine e di altri addetti alla sicurezza all'ingresso della curva Nord, ha continuato ad andare in escandescenza, rivolgendo insulti razzisti allo steward. «Sono razzista, da quello lì non mi faccio mica controllare: né biglietto, né documenti», ha esclamato l'uomo in dialetto bresciano.

 

L'episodio, come riporta il Corriere della Sera, è avvenuto lo scorso 3 aprile, prima di Brescia-Vicenza. La notizia, però, è stata diffusa solo nelle ultime ore poiché il questore di Brescia, Giovanni Signer, ha emesso nei confronti del tifoso razzista un Daspo della durata di un anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA