Foggia-Catanzaro, invasioni di campo e caccia all'ex Iemmello: l'attaccante costretto a uscire tra le minacce

La situazione non si è ristabilita neanche una volta che l'attaccante era uscito dal campo per sedersi in panchina

Martedì 12 Aprile 2022
Foggia choc, invasioni di campo e caccia all'ex Iemmello: l'attaccante costretto a uscire tra le minacce

Follia a Foggia, ieri sera, durante la sfida di Serie C tra i padroni di casa e il Catanzaro. Sul punteggio di 5-1 in favore degli ospiti, infatti, l'ex della gara, l'attaccante Pietro Iemmello, si è conquistato un calcio di rigore ed era pronto a batterlo, quando un tifoso ha invaso il campo per aggredirlo.

 

Leggi anche > Roma-Bodo, squalificati Nuno Santos e Knutsen: niente match dell'Olimpico. I norvegesi si allenano a casa Lazio

 

 

 

 

Pietro Iemmello, che aveva già realizzato una doppietta contro la sua ex squadra, si è visto arrivare all'improvviso un tifoso foggiano, che dopo aver invaso il campo ha cercato di aggredirlo ma è stato fermato dagli steward. L'attaccante ex Foggia, Sassuolo e Benevento, alla fine è stato costretto a lasciare il campo, tra insulti e minacce, ma la tensione non si è affievolita neanche quando ha fatto ritorno in panchina.

 

 

 

 

Anche in quel caso, infatti, un tifoso ha invaso il campo per aggredire Iemmello. Dopo la seconda rete del Foggia, per il 6-2 finale, un'altra interruzione per invasione, con l'arbitro costretto a sospendere ancora il gioco per far calmare gli animi e riportare ordine in campo e fuori.

 

 

 

 

A scatenare la rabbia degli ultrà del Foggia, sarebbe stata la presunta simulazione di Pietro Iemmello in occasione del rigore conquistato che poi la follia delle invasioni di campo gli ha negato la possibilità di batterlo.

Ultimo aggiornamento: 13 Aprile, 09:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA