Coronavirus, a Roma 54 casi in un giorno. Lazio, 288 positivi in totale. Morta anziana al Casilino

Venerdì 13 Marzo 2020
Coronavirus Roma, 11 nuovi contagi: 99 positivi in tutto, 15 in rianimazione

Coronavirus, la situazione nel Lazio spiegata dall'assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato l’odierna videoconferenza della task-force regionale per il COVID-19 con i direttori generali delle Asl e Aziende ospedaliere. “Rispetto a ieri registriamo un aumento di 77 casi di positività, ma c’è anche un incremento delle persone guarite dal COVID-19 che sono 24. Escono dalla sorveglianza in 597, ovvero hanno terminato la quarantena. Ad oggi sono stati effettuati circa 6.500 tamponi per il COVID-19” commenta l’Assessore D’Amato. Ecci i positivi nella regione: 

Covid 19, a Civitavecchia altri tre casi positivi il totale della Asl Roma 4 sale a 17 contagiati

La situazione nelle Asl e A.O: 
Asl Roma 1 – 4 nuovi casi positivi. 104 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Dal 17 marzo disponibili ulteriori 8 posti di pneumologia. Da martedì 17 marzo sarà attivato il laboratorio per test COVID-19;
Asl Roma 2 – 20 nuovi casi positivi. 55 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Deceduta una donna di 88 anni al Policlinico Casilino per shock settico e polmonite. Attivati 2 posti di terapia intensiva all’Ospedale Pertini. Da mercoledì 18 marzo sarà attivato il laboratorio per test COVID-19;
Asl Roma 3 –16 nuovi casi positivi. 57 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;
Asl Roma 4 – 3 nuovi casi positivi. 80 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare; 
Asl Roma 5 – 3 nuovi casi positivi. 62 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Dal 28 marzo disponibili ulteriori 10 posti di terapia intensiva;
Asl Roma 6 – 9 nuovi casi positivi. 92 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare;
Asl di Latina – 10 nuovi casi positivi. 49 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Dal 23 marzo disponibili ulteriori 12 posti di terapia intensiva;
Asl di Frosinone – 6 nuovi casi positivi, 4 legati alla RSA di Cassino che raggiungono così quota 7. Blocco delle accettazioni presso la RSA e indagine epidemiologica in collaborazione tra Asl Frosinone e SERESMI Spallanzani. 1 paziente è guarito. Deceduto 1 paziente di 52 anni di Frosinone con grave patologia oncologica preesistente. 18 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Possibilità di implementare la disponibilità di 2 posti di terapia intensiva;
Asl di Viterbo - 4 nuovi casi positivi. 64 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare
Asl di Rieti – 2 nuovi casi positivi. 16 le persone che sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Il 16 marzo saranno attivati ulteriori 11 posti di terapia intensiva per COVID-19.
Policlinico Umberto I - da lunedì 16 marzo saranno disponibili ulteriori 26 posti di malattie infettive e ulteriori 8 di terapia intensiva;
Azienda Ospedaliera San Giovanni - da lunedì 16 marzo saranno disponibili ulteriori 8 posti di terapia intensiva;
Azienda Ospedaliera Sant’Andrea - possibilità di implementare 10 posti di terapia intensiva;
Policlinico Gemelli - da lunedì 16 marzo ulteriori 28 posti di malattie infettive e ulteriori 21 posti di terapia intensiva al COVID-19 2 Hospital Columbus;
Ares 118 - da questa mattina raddoppiate le postazioni del numero verde 800.118.800 dedicato al COVID-19. Attivato un settore dedicato al trasferimento dei pazienti COVID-19 tra i diversi presidi della rete ospedaliera regionale;
Policlinico Tor Vergata - da domani disponibili ulteriori 4 posti di terapia intensiva. Dal 16 marzo saranno disponibili ulteriori 16 posti di malattie infettive;
Azienda Ospedaliera San Camillo: lunedì 16 marzo saranno attivati 3 posti di terapia intensiva;
Ospedale Pediatrico Bambino Gesù: disponibili 16 posti di malattie infettive

Sono 99 i pazienti positivi al Coronavirus allo Spallanzani di Roma. Il dato è aggiornato a oggi, 13 marzo 2020. L'incremento rispetto a ieri è di 11 casi. Dei 99 affetti da Covid-19, 15 necessitano di supporto respiratorio. «Il quadro clinico è stabile o in netto miglioramento per alcuni», si sottolinea nel bollettino medico. I pazienti in osservazione - sono 11.

LEGGI ANCHE Coronavirus Lazio, 50 contagiati in un giorno. Infermieri, turni raddoppiati

Morta anziana al Casilino. «Deceduta una donna di 88 anni al Policlinico Casilino per shock settico e polmonite». Lo rende noto la Asl Roma 2 sulla pagina Facebook "Salute Lazio" dell'assessorato regionale alla Sanità. La Asl registra «20 nuovi casi positivi e 55 persone uscite dalla sorveglianza domiciliare».«Attivati 2 posti di terapia intensiva all'ospedale Pertini - aggiunge - Da mercoledì 18 Marzo sarà attivato il laboratorio per test covid19».

Coronavirus mette in pausa lo sport: le decisioni di UEFA e F1

Il bollettino Spallanzani. «I pazienti dimessi, che hanno superato la fase clinica e che sono negativi per la ricerca del nuovo coronavirus sono 305», prosegue il bollettino che aggiunge: «In giornata sono previste ulteriori dimissioni di pazienti già negativi al primo test e comunque asintomatici». I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o presso la struttura militare della Cecchignola sono 21 a questa mattina.

«L'istituto Spallanzani sta provvedendo a potenziare il numero dei posti letto, in particolare i posti letto di terapia intensiva, per accogliere il maggior numero possibile di pazienti, anche in una logica di rete regionale di cui il nostro istituto è Hub», si evidenzia nel bollettino di oggi dello Spallanzani.

Due decessi su dieci collegati al coronavirus sono avvenuti in Italia: i 1.016 morti del nostro paese rappresentano infatti il 21% delle circa 5.000 persone decedute a livello mondiale con diagnosi di Covid-19. È quanto si apprende nell'aggiornamento «Coronavirus: quello che c'è da sapere», pubblicato dall'Istituto Malattie Infettive Spallanzani il 12 marzo, e basato su dati dello European Centre for Disease Prevention and Control e della Protezione Civile. La nostra percentuale, in continua crescita, ci rende secondi solo alla Cina, che conta l'66% dei decessi (percentuale in continua diminuzione), ovvero 3.172. Dopo di noi l'Iran con il 7,4% di decessi (354) e la Corea del Sud con 1,4% (66). In quest'ultimo caso si nota un numero particolarmente basso di decessi rispetto agli oltre 7.869 casi registrati.​

Ieri si sono registrati 50 nuovi casi positivi al coronavirus nel Lazio. Mercoledì erano 150, ieri hanno toccato quota 200, ma c'è anche un incremento delle persone uscite dalla sorveglianza, 411 persone che tirano un sospiro di sollievo. Gli isolamenti domiciliari sotto controllo sanitario sono così scesi nel giro di 24 ore a 5.074. Intanto, le Asl cominciano a chiedere doppi turni anche per gli infermieri, mentre la Regione si appresta a fare scalare le graduatorie di assunzione per i tempi indeterminati e determinati del personale sanitario.

Purtroppo si registrano altri tre decessi, oltre ai 6 dei giorni precedenti. Si tratta di un 79enne morto all'ospedale Sant'Eugenio dell'Eur e di una 82enne portata allo Spallanzani da una Rsa di Civitavecchia (entrambi con un quadro clinico complicato) e di un tenente colonnello dell'Esercito di 57 anni in servizio presso il Segretariato della Difesa. Al lavoro l'ufficiale mancava da un po' perché in malattia e i suoi colleghi sono stati messi in smart working. Anche il generale dell'Esercito Salvatore Farina era risultato positivo. Era arrivato al policlinico Umberto I in ambulanza, aveva delle patologie importanti ma, vista anche l'età non attempata, sarà l'autopsia a chiarire se sia morto di o con il Covid-19.

Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 00:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA