Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Forza Italia, resa dei conti tra Berlusconi e Fitto. «Sei democristiano, puoi andartene»

Forza Italia, resa dei conti tra Berlusconi e Fitto. «Sei democristiano, puoi andartene»
2 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Ottobre 2014, 18:15 - Ultimo aggiornamento: 19:03

Questo non un partito alla vecchia maniera, tu, Raffaele, sei un figlio della vecchia Dc, se vuoi puoi andare via e magari poi ci alleiamo. Scintille all'ufficio di presidenza di Forza Italia. Silvio Berlusconi, raccontano, si sarebbe sfogato così con Raffaele Fitto contrario a votare un documento che impegnasse tutti i 36 parlamentari del Comitato di presidenza con diritto di voto ad adottare la linea politica appena decisa senza aprire un dibattito.

Lo scontro tra il Cav e l'ex premier avrebbe assunto i toni di un crescendo rossiniano, raccontano i presenti, con botta e risposta finale al veleno, che a molti a ricordato il 'Che fai mi cacci?' di Gianfranco Fini che segnò l'implosione del Pdl. Se continui così e vuoi fare come vuoi tu, io ti caccio, avrebbe avvertito Berlusconi. Pronta la replica dell'ex ministrio: Io non me ne vado dal partito, non puoi cacciarmi via, resto qui a fare la mia battaglia, come sempre ho fatto fino ad ora.

«Tu non devi andare in tv a dire quello che vuoi, basta con le dichiarazioni che fanno solo male al partito e ci fanno perdere voti», Silvio Berlusconi non ci sta quando, durante l'ufficio di presidenza di Fi, Raffaele Fitto si oppone a un voto sull'ordine del giorno per ratificare la linea del partito appena decisa. «Qui si discute tutti insieme e quando si decide una linea, devi accettarla, vale sempre la regola della maggioranza».