UniSalento, è morto il prof Mancarella: ha formato generazioni di fisici e ingegneri

UniSalento, è morto il prof Mancarella: ha formato generazioni di fisici e ingegneri
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 11:56 - Ultimo aggiornamento: 20:07

È scomparso improvvisamente nei giorni scorsi il professor Giovanni Mancarella, docente all’Università del Salento. Laureatosi in Fisica a Lecce nel 1976, dal 2002 era professore ordinario in Fisica sperimentale delle interazioni fondamentali.

La carriera

Aveva svolto numerosi ruoli istituzionali in momenti chiave della storia del Dipartimento di Fisica prima e di Matematica e Fisica poi: era stato Presidente del consiglio didattico per la classe di Fisica nel periodo in cui si passava dal vecchio ordinamento, con corsi di laurea unici, alla attuale struttura con corsi di laurea triennali e magistrali, e Direttore del Dipartimento di Matematica e Fisica “Ennio De Giorgi” nel periodo immediatamente successivo alla fusione dei due vecchi Dipartimenti di Matematica e di Fisica, contribuendo alla costruzione delle infrastrutture dipartimentali che sono attualmente in uso.



La sua attività di ricerca si è sempre svolta in ambito sperimentale nel campo della fisica subnucleare e astroparticellare: ha collaborato in numerosi esperimenti internazionali sia al CERN di Ginevra che nei più rilevanti laboratori nel campo della fisica astroparticellare nel mondo, dai Laboratori del Gran Sasso al Laboratorio di Yangbajing in Tibet. È stato inoltre uno degli artefici della nascita della sezione di Lecce dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, creando i primi contatti nazionali e internazionali e avviando le prime collaborazioni di ricerca; ne è poi stato il Direttore dal 2008 al 2015.
Nel campo della didattica, ha tenuto corsi ad alta numerosità sia per il Dipartimento di Matematica e Fisica che per il Dipartimento di Ingegneria dell’Innovazione, contribuendo alla formazione di base di centinaia di fisici e ingegneri.

«Giovanni Mancarella ha dedicato la sua vita all’Università, contribuendo a formare e indirizzare generazioni di ricercatori», sottolinea il Rettore Fabio Pollice, «Oltre che per i ruoli istituzionali ricoperti e per l’autorevolezza a livello scientifico, lo ricordiamo per la serietà, la disponibilità, la pazienza, la pacatezza, la sensibilità e la costante attenzione a colleghi e studenti. Ai familiari e a tutti coloro che gli sono stati vicini le nostre più sentite condoglianze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA