Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Incendiato nella notte un escavatore, in fiamme una Mercedes

I vigili del fuoco impegnati nello spegnimento del bobcat incendiato a Veglie
I vigili del fuoco impegnati nello spegnimento del bobcat incendiato a Veglie
2 Minuti di Lettura
Martedì 11 Gennaio 2022, 08:10 - Ultimo aggiornamento: 09:12

Attentato incendiario ad un escavatore nella notte appena trascorsa a Veglie, paese della provincia di Lecce situato nel Nord Salento. A fuoco anche una Mercedes a Spongano, ma in questo caso non ci sono certezze sulla natura del rogo, diversamente da quanto è accaduto a Veglie dove i vigili del fuoco ed i carabinieri propendono per il dolo.

 

L'acquedotto di Veglie

L'allarme è scattato a Veglie poco prima delle 22 di ieri sera 10 gennaio, quando in via Don Bosco è andato a fuoco uno dei mezzi impiegati dall'impresa Mello nei lavori sulla rete dell'acquedotto. Un piccolo escavatore, conosciuto anche con il nome di bobcat. Seconde le stime del titolare, l'imprenditore Vincenzo Mello, il danno ammonta a circa 25mila euro. Le indagini sono affidate ai carabinieri della stazione locale e per il momento non possono fare affidamento sui sistemi di videosorveglianza poiché via Don Bosco n'è priva. Gli investigatori stanno scandagliando le strade vicine e cercano allo stesso tempo testimoni vista anche l'ora non particolarmente tarda.

Spongano

A Spongano le fiamme sono divampate poco prima delle 2 in via Donatello, sulla Mercedes Glc di proprietà di un uomo di 64 anni. Le fiamme hanno interessato la parte anteriore dell'auto e per questo vigili del fuoco e carabinieri della stazione di Presicce hanno anche preso in cionsiderazione la possibilità che possa essersi trattato di un corto circuito. Anche per questo caso gli investigatori sono alla ricerca di impianti di videosorveglianza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA