Covid, Puglia a “rischio moderato”, ma i dati sui ricoveri sono sotto la soglia critica. Crescono i contagi nel Salento: Lecce e Gallipoli sorvegliate speciali

Covid, Puglia a “rischio moderato”, ma i dati sui ricoveri sono sotto la soglia critica. Crescono i contagi nel Salento: Lecce e Gallipoli sorvegliate speciali
3 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Agosto 2021, 12:52 - Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 14:43

Lecce e Gallipoli, 115 e 107 contagiati dal Covid: le città prese d'assalto dai turisti, nel Salento, non a caso sono quelle più esposte al diffondersi del nuovo coronavirus. Le uniche a registrare numeri a tre cifre nell'ultimo report sulla pandemia redatto dall'Unità di Epidemiologia e Statistica della Asl di Lecce diretta da Fabrizio Quarta. Un quadro non confortante, nonostante le rassicurazioni ultime dell'assessore regionale alla Salute, Pier Luigi Lopalco: «La situazione - ha detto ieri - è sotto controllo», soprattutto per quanto riguarda i ricoveri e l'assistenza sanitaria. La Puglia, del resto, è fra le regioni classificate a rischio moderato nella bozza di monitoraggio settimanale dell'Istituto Superiore di Sanità che sarà diffusa oggi, nel pomeriggio. Rischio basso - dicono gli esperti - solo per il Lazio e le due province autonome di Trento e Bolzano.

Non solo. Nessuna regione supera soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva nel Paese è in leggero aumento al 4%, con il numero di persone ricoverate in aumento da 258 (03/08/2021) a 322 (10/08/2021). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale aumenta al 5%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in aumento da 2.196 (03/08/2021) a 2.880 (10/08/2021).

I dati per il Salento

Tuttavia il quadro del Salento desta qualche preoccupazione, tanto più alla vigilia di un Ferragosto da sold out. Nella provincia leccese, infatti, sono 32 i comuni con un numero di contagi per mille abitanti superiore alla media - pari a 1,2 - e con il picco di Gallipoli dove ogni mille abitanti ci sono 5,3 persone positive al virus. 

Decisiva, per interpretare quanto sta accadendo, anche la percentuale di positivi per fascia d'età, con il 37% dei contagi che interessa proprio i giovani fino a 35 anni. 

Leggi il documento integrale: Report_13.08.2021_13124904.pdf

© RIPRODUZIONE RISERVATA