Dalla prof insulti choc a una studentessa sui social: «Quella z***la avrà quel che si merita»

Il commento su un episodio di "dress code" avvenuto in un liceo romano è di un insegnante di Genova

Lunedì 23 Maggio 2022
immagine di repertorio

Nuovo caso di insulti sessisti da parte di un insegnante. Tutto parte da un episodio sull’abbigliamento "non appropriato" di una studentessa che sarebbe avvenuto nel liceo classico Pilo Albertelli di Roma e raccontato da una docente dell’istituto su Facebook come riporta La Repubblica. Nel post l'insegnante espone la sua versione dei fatti e scrive: «Una docente, non io, fa notare a un’alunna che non ha un abbigliamento adeguato, anche in base al regolamento. L’alunna, come se rispondesse a una bambina, risponde ‘E chi lo dice? Come si permette? Vogliamo andare a continuare questa discussione dal preside?’. La docente va in vicepresidenza, dove l’alunna era già andata a denunciare l’ardire dell’insegnante insieme a mezza classe accorsa per sostenere la compagna. Poi, alla fine, tutto si conclude con un nulla di fatto». A quel punto un altro prof di Genova decide di commentare il post e scrive: «Sta ‘zoccoletta’ (cit. “Un sacco bello” di Verdone) avrà quel che si merita non appena troverà un superiore nella sua vita lavorativa».

 

Leggi anche > Paolo e Stefania, coniugi romani trovati morti: la dinamica è ancora un mistero. Il giallo della setta dei Ramtha

 

La vicenda raccontata oggi da La Repubblica Roma, ha scatenato l'indignazione degli studenti. «È assurdo che una frase simile parta da un professore», dice la rappresentante Valeria Cigliana. «I docenti dovrebbero essere i nostri formatori, - aggiunge - non esprimersi con parole e offese. Se un ragazzo va a scuola in pantaloncini corti gli viene chiesto se stia andando al mare. Se una ragazza indossa una canottiera non sta andando in spiaggia, ma è “una zoccoletta”: un ragionamento maschilista e retrogrado. In questi giorni a Roma ha fatto molto caldo e noi siamo in aule senza condizionamento. Il regolamento sull’abbigliamento andrebbe rivisto, ma intanto definire una zoccoletta una studentessa per essersi vestita in modo non conforme alla normativa non è normale».

Ultimo aggiornamento: 24 Maggio, 23:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA