Assalto alla Cgil, arrestato il leader No Vax Nicola Franzoni. Misure cautelari per altri 4, tra loro un ultras della Juve

Al militante No Vax finito in carcere viene contestata anche l'istigazione a disobbedire alle leggi e violazione della misura di prevenzione del divieto di ritorno nel Comune di Roma

Venerdì 22 Aprile 2022

La Digos di Roma, su richiesta della Procura, ha eseguito una ordinanza del gip di applicazione di cinque misure cautelari per l'assalto alla Cgil avvenuto il 9 ottobre scorso. Misure che si aggiungono alle 25 già precedentemente eseguite nell'ambito della medesima attività di indagine. Il carcere è stato disposto in particolare per un soggetto legato ai movimenti No Vax e nell'area dell'estrema destra, si tratta di Nicola Franzoni.

 

Bambino di 4 anni ricoverato per sospetta epatite acuta: causa sconosciuta, è grave

 

Nei confronti degli indagati il pm Gianfederica Dito contesta i reati di devastazione e saccheggio aggravato, violenza e resistenza a pubblico ufficiale aggravata. Al militante No Vax finito in carcere viene contestata anche l'istigazione a disobbedire alle leggi e violazione della misura di prevenzione del divieto di ritorno nel Comune di Roma. Le indagini della Digos, con l'ausilio del locale Gabinetto di Polizia Scientifica, hanno permesso, attraverso la visione dei filmati raccolti in diversi ambiti, di «cristallizzare inconfutabili indizi di colpevolezza». Per gli altri quattro indagati, tra cui un soggetto vicino al movimento di estrema destra Forza Nuova e appartenente al gruppo ultras juventino «Antichi Valori», è stato disposto l'obbligo di dimora presso il comune di appartenenza.

 

Ultimo aggiornamento: 13:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA