Turismo, nuovi hotel di lusso a Roma. E si muove l’Orient Express

Mercoledì 5 Maggio 2021 di Francesco Bisozzi

L’ospitalità di lusso cambia volto nel cuore della Capitale. Aprirà nel 2022 a Piazza San Marcello al Corso il nuovo urban hotel di Six Senses Hotels Resorts Spas, del gruppo statunitense Ihg, con tanto di orto botanico al suo interno e ambienti per il wellness ispirati alle terme romane. Nel frattempo Arsenale Spa, la società nata l’anno scorso dalla partnership tra Paolo Barletta e Nicola Bulgari, ha rilevato lo storico Hotel de La Minerve in zona Pantheon. Per il 2021 la gestione resterà alla famiglia Billi, poi inizieranno i lavori di ristrutturazione e nel 2023 l’edificio riaprirà sotto il brand Orient Express, del gruppo francese Accor. La società alberghiera italiana Lhm si è aggiudicata invece la gestione di Palazzo al Velabro, sempre nel cuore della città, ai Fori Imperiali, sotto l’insegna del brand Design Hotels di Marriot. La struttura a meno di imprevisti tornerà ad accogliere gli ospiti a partire dal 2022, con 28 ampi appartamenti dotati di cucina, 5 camere extra lusso, reception, e poi sala meeting, cinema, dehors su terrazza, bar, ristorante.

APERTURE IMMINENTI

 Scalda i motori pure il nuovo gruppo di hotel di lusso Shedir, fondato nel 2020 da Martino Acampora ed Eduardo Safdie, che nella Capitale aprirà nuove strutture quest’anno. Dopo il boutique hotel Vilòn, accanto a Palazzo Borghese, avviato un anno fa, nel 2021 Shedir battezzerà altri tre hotel a Roma: il Maalot, a due passi dalla fontana di Trevi, con 30 camere, sarà il primo ad aprire al pubblico, già a giugno, poi toccherà a Palazzo Roma, 39 camere, la cui entrata in funzione è prevista entro la fine dell’estate, seguita da quella di Palazzo Shedir (29 suite) con affaccio su piazza Venezia.

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 14:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA