Bari, torna il corteo storico per le strade della città. Il programma

Bari, torna il corteo storico per le strade della città. Il programma
di Enrico FILOTICO
4 Minuti di Lettura
Sabato 7 Maggio 2022, 08:59 - Ultimo aggiornamento: 22:02

È tutto pronto per il corteo di San Nicola: dopo due anni di attesa, finalmente i baresi potranno tornare a vivere le emozioni che accompagnano il momento più sacro dell'intera celebrazione. Saranno complessivamente nove i quadri messi in scena nel corso dell'evento, uno dei quali, Les Miserables, sarà dedicato agli ultimi della società, interpretati da ballerini che indosseranno costumi medievali da clochard, prostitute, ubriachi e appestati, in omaggio ai genitori di San Nicola morti di peste.

Frecce tricolori a Bari: giovedì le prove dello spettacolo per San Nicola. Variazioni alle linee dei bus

La rievocazione

«Un altro tema saliente di questa edizione è il grano, l'oro del Sud, da sempre simbolo di prosperità e di benessere per noi gente del Mediterraneo, popolo di contadini, commercianti e artigiani aveva detto il regista Nicola Valenzano in occasione della conferenza stampa ma soprattutto questo corteo sarà dedicato a San Nicola e alla pace, che da troppo tempo manca. Sarà senz'altro classico, in quanto metteremo in scena la traslazione rievocando ciò che è accaduto nel 1087. Ciò che cercheremo di fare, quindi, è raffigurare fedelmente l'evento che ha segnato la storia della nostra città, con i vari popoli, dai turchi ai normanni, dai bizantini al clero latino, con alcune novità: le tre torri sceniche su ruote, alte cinque metri, a raffigurare le tre virtù teologali, che viaggeranno nel serpentone del corteo; un gruppo di danzatori professionisti che scenderanno dalla facciata di Palazzo di Città a ricordare il momento in cui i marinai si preparavano all'impresa, e poi il momento finale sul sagrato della Basilica».


Come ogni anno il corteo sarà affiancato da immagini rievocanti la sacralità. Lungo il percorso della Caravella saranno presenti infatti scenografie imponenti, come appunto le tre torri dedicate a fede, speranza e carità. Tra gli elementi più spettacolari è previsto uno show olografico sul quale gli organizzatori hanno scelto di osservare il massimo riserbo per garantire l'effetto sorpresa sul pubblico. Nei giorni scorsi era stato Michele Fanelli, presidente del circolo Acli Dalfino, che sulle colonne di questo giornale aveva invocato un ritorno alla festa nello spirito delle usanze religiose, promessa che il regista Valenzano aveva fatto sua. Il momento clou della manifestazione verrà raggiunto all'arrivo sul sagrato della Basilica, quando tutti i protagonisti dei quadri che hanno sfilato durante il corteo si esibiranno in un'ultima performance, alternandosi ad artisti di calibro nazionale.


Un'attesa pari a un countdown. Sono bastati i preparativi per accendere le emozioni dei tantissimi cittadini della regione Puglia e non solo del capoluogo, perché San Nicola come spesso viene sottolineato. Anche la previsioni non ottimali sembrano non aver avuto alcun impatto sull'umore dei tantissimi che già da venerdì pomeriggio hanno cominciato a godersi i tanti appuntamenti. L'appuntamento principale è sicuramente quello di questa sera, ore 20.30. Il corteo storico partirà da piazza Federico II di Svevia. La sfilata procederà con scansione a tappe così da garantire e coniugare spettacolarità e tradizione storica. Il percorso avrà inizio da piazza Federico II di Svevia per poi snodarsi lungo via San Francesco D'Assisi, corso Vittorio Emanuele II, lungomare Imperatore Augusto, piazza Urbano II e concludersi dinanzi alla Basilica di San Nicola ove avrà luogo lo spettacolo finale. Dopo due anni ora si può davvero dire, l'attesa è finita: San Nicola è tornato a Bari, restituendo ai baresi il giorno sicuramente più importante dell'anno.
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA