Porto, l’anno dei record a Bari: «Ma nel 2023 vogliamo migliorare ancora di più»

Porto, l’anno dei record a Bari: «Ma nel 2023 vogliamo migliorare ancora di più»
di Beppe STALLONE
4 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 00:14 - Ultimo aggiornamento: 05:00

È un porto vivace, quello di Bari. Animato, forse anche troppo, il pericolo di ingorgo in questi giorni è spesso in agguato fra turisti con auto in attesa di imbarco, mezzi pesanti pronti a sistemarsi sulle navi ro.ro. Sicuramente l’immagine è quella di un porto in gran fermento, con attività che coinvolgono un po’ tutti i settori, dal crocieristico in primis, ai traghetti, al trasporto merci. È un po’ la rappresentazione plastica di quanto il presidente dell’Autorità di sistema portuale del mar adriatico meridionale, Ugo Patroni Griffi, sta perseguendo da alcuni anni. 

Il presidente Patroni Griffi


«Bari è una città portuale, oggi il porto è una città. È una città piena, popolata dai suoi abitanti naturali che sono le navi, c’è tantissima gente, il che conferma i dati statistici. In particolare un più 9,1 per cento rispetto al 2019. Ciò significa la correttezza della nostra visione, la prova pratica che siamo nel giusto e che le opere che stiamo per realizzare a cominciare da Marisabella per finire alla nuova stazione marittima, non potranno che far migliorare l’esperienza dei tanti passeggeri e turisti che attraversano il porto di Bari e poi si rivolgono verso la nostra regione». L’incontro e la conferenza stampa di ieri con i vertici dell’agenzia regionale del Turismo consolida un legame. «Sulla scorta degli ottimi risultati finora conseguiti – prosegue Ugo Patroni Griffi - abbiamo voluto rafforzare e consolidare il rapporto con Aret Puglia, con cui dal 2018 abbiamo avviato una strategia comune di potenziamento dell’accoglienza turistica nei nostri scali. La stagione crocieristica 2022 verrà ricordata, nei porti del nostro sistema, come la stagione dei record per quanto attiene la presenza di navi e di turisti. Se da una parte - continua Patroni Griffi- non possiamo farci trovare impreparati a questo appuntamento, dall’altra, forti dei numeri, dobbiamo spingere sull’acceleratore per l’immediato futuro, dando impulso alle attività di promozione e offrendo un servizio qualificato, unico ed emozionale. Il prossimo anno - conclude - vogliamo battere questo record». Luca Scandale, direttore generale di Pugliapromozione conferma l’impegno dell’agenzia regionale per offrire ai turisti proposte sempre più adeguate alle loro esigenze. 


«Pugliapromozione è presente al porto di Bari a quello di Brindisi e nei rispettivi aeroporti, perché è importante avere degli info-point, in maniera che i turisti oggi presenti nel porto di Bari con tre navi crociere, che poi si riversano nella città di Bari, possano conoscere le bellezze del capoluogo e della Puglia ed eventualmente tornarci. È questo è proprio l’obiettivo di Pugliapromozione, fare sì che i turisti siano informati e diffondano la parola che la Puglia è bellissima. Continuiamo a lavorare sull’innalzamento dei servizi di accoglienza che sono indispensabili a consolidare i flussi dell’estate 2022, sviluppando sinergie con altri enti impegnati a raggiungere gli stessi traguardi, come l’Autorità di Sistema Portuale di Bari - sottolinea Luca Scandale, direttore generale di Pugliapromozione - la nostra posizione strategica nel Mediterraneo deve diventare una opportunità sfruttata a pieno, che renda Bari e la Puglia non solo tappa di eccellenza che non può mancare in una vacanza di mare, ma anche punto di partenza del turismo nautico. Il clima mite tutto l’anno, inoltre, ci conferisce una naturale vocazione alla destagionalizzazione anche per il turismo di mare. In particolare, con gli Infopoint, desideriamo offrire ai turisti una proposta il più possibile variegata ». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA