Bari, lo streetartist van Helten rifarà i silos abbandonati: saranno un'opera d'arte

Bari, lo streetartist van Helten rifarà i silos abbandonati: saranno un'opera d'arte
4 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Gennaio 2022, 05:25

Proseguono gli interventi di street art a Bari che puntano a valorizzare luoghi, spesso abbandonati o poco considerati. Dopo il quartiere San Paolo, trasformato in museo a cielo aperto, e i diversi interventi in collaborazione con Retake, i protagonisti saranno i silos presenti all’interno del porto. A realizzare un’opera sulle facciate delle strutture sarà l’artista Guido van Helten, australiano, nato a Canberra nel 1986 e famoso in tutto il mondo per i suoi murales fotorealistici realizzati su grandi supporti fisici oltre che per i suoi enormi ritratti.

Il sopralluogo dell'artista in Puglia

Nella giornata di ieri, van Helten è stato a Bari, come testimoniano anche le sue storie su Instagram, per un sopralluogo al porto, accompagnato dall’assessora alle Culture, Ines Pierucci, dal presidente dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Mediterraneo, Ugo Patroni Griffi, e dal direttore generale di Pugliapromozione, Luca Scandale. L’intervento riguarderà le pareti di 16 silos, individuati all’interno del porto barese, ciascuno dei quali misura circa 32 metri d’altezza per un diametro di 8 metri. In merito alla scelta del soggetto da rappresentare, esattamente come accaduto con il progetto Qm San Paolo, verrà scelto attraverso un percorso di condivisione con i cittadini, in primis i residenti della città vecchia, contigua al porto, tenendo conto dell’identità culturale della città, che proprio nel porto trova alcuni dei suoi elementi fondanti: il mare, la vocazione commerciale e le contaminazioni che da questi due elementi sono scaturite nel corso della sua storia. 

Nell'operazione saranno coinvolti anche gli abitanti


Questa volontà di far partecipare i cittadini alla realizzazione dell’opera è stata fortemente voluta dall’amministrazione comunale, che attraverso l’assessora Pierucci ha sollecitato l’artista e il suo gruppo di lavoro in tal senso. Bisognerà ora lavorare per capire in che modo coinvolgere la popolazione. Forse si opterà, proprio come al quartiere San Paolo, per dei laboratori che potrebbero coinvolgere sia gli adulti che i bambini delle scuole. L’assessora Pierucci ha sottolineato al riguardo: «Sin da quando l’Autorità portuale e Pugliapromozione mi hanno coinvolto nel progetto, abbiamo condiviso l’idea di un futuro della città che guardasse all’arte pubblica con respiro internazionale, e la possibilità di coinvolgere i cittadini, affinché l’opera da realizzarsi all’interno del porto possa diventare il punto di arrivo di un percorso e non un intervento calato dall’alto». 
I silos sui quali verrà realizzata l’opera di street art non sono accessibili alla popolazione, ma sono ben visibili sia dal mare che dalla città. Le opere da realizzare si è ipotizzato che possano esserne due, con due diversi messaggi. Uno che possa essere rivolto alla città, l’altro che guardi al Mar Mediterraneo e ai Paesi che vi si affacciano. Pierucci aggiunge che i messaggi delle opere dovrebbero sollevare: «I temi della consapevolezza del nostro patrimonio storico-identitario, dell’inclusione e dell’accoglienza». «Grazie alla nostra perseveranza siamo riusciti ad avere in Puglia uno dei più famosi artisti internazionali, Guido Van Helten», ha voluto sottolineare il presidente dell’Autorità Portuale, Patroni Griffi. «Gli abbiamo chiesto di immaginare una o più opere – aggiunge - che possano, modificando il paesaggio portuale ed urbano, trasmettere, a chi visita la nostra regione, la qualità più importante di noi pugliesi: la capacità di non fare sentire nessuno straniero». «Quest’opera del maestro van Helten – ha aggiunto Luca Scandale di Pugliapromozione - sarà fortemente attrattiva, di impatto e sono certo che darà al porto di Bari una visuale artistica, culturale e turistica sicuramente più efficace». Il sopralluogo effettuato nella giornata di ieri è servito a capire come poter predisporre quanto necessario per il cantiere. La realizzazione dell’opera non partirà comunque prima dell’estate. Il progetto, che vedrà la realizzazione di queste due opere di street art all’interno del porto, è sostenuto dall’Autorità portuale e da Pugliapromozione e condiviso con l’amministrazione comunale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA