Bari, atti vandalici al Parco 2 giugno: panchine a pezzi

Bari, atti vandalici al Parco 2 giugno: panchine a pezzi
di Elga MONTANI
4 Minuti di Lettura
Martedì 1 Marzo 2022, 07:53 - Ultimo aggiornamento: 10:01

Un ennesimo atto vandalico ha interessato il parco Due Giugno a Bari, nella giornata di domenica. A segnalare l'accaduto l'associazione cittadina Sos Città, che ha denunciato l'accaduto via social con foto eloquenti. «Ancora vandali al parco Due Giugno - scrivono -. Ci svegliamo con l'ennesima cattiva notizia riguardante il nostro caro amato parco. Alcune panchine in pietra, infatti, sono state divelte e distrutte. Ci poniamo delle domande però: a parte le dichiarazioni sui giornali, infatti, cosa si è fatto di concreto per garantire maggiore sicurezza e ordine all'interno del parco? Possibile che siamo arrivato al punto di considerare non sicuro il parco 2 Giugno?».

Altri episodi nei mesi scorsi

Non è, d'altronde, il primo caso di atto vandalico che viene registrato al parco. Solo nei mesi scorsi sono state diverse le denunce di atti simili all'interno del polmone verde cittadino. Tra la fine di agosto e i primi di settembre, alcuni vandali avevano preso di mira le giostrine per i più piccoli, al punto che si era reso necessario il posizionare un cartello che segnalasse che le giostrine non potevano essere utilizzate, proprio a causa di un atto vandalico che le aveva rese non sicure.
Pochi giorni dopo, sulla bacheca del sindaco Decaro un cittadino aveva denunciato che ignoti avevano aperto di nuovo (dato che non si trattava certo della prima volta) un varco nella rete di recinzione. Situazione molto pericolosa, che portava chiunque a poter accedere nel parco anche oltre l'orario di chiusura. Infine, ricordiamo che, ad ottobre, le panchine che ieri sono state vandalizzate, erano state ricoperte di scritte rosse no vax. Scritte prontamente rimosse.

Non possiamo certo dimenticare le diverse aggressioni denunciate al parco e nelle vie limitrofe dai genitori riunitisi nel gruppo BulliStop Vivere Bari Senza Paura, che stanno cercando di far sì che il Comune di Bari si decida a mettere un presidio fisso, non solo al parco 2 Giugno, ma nei diversi giardini e parchi cittadini, per garantire maggiore sicurezza e controllo per tutti coloro che vogliono vivere in tranquillità le aree di socializzazione cittadine. Negli ultimi giorni, inoltre, diversi quartieri di Bari sono stati oggetto di atti vandalici ai danni di attività di diverso tipo. Almeno una ventina le segnalazioni di attività che hanno subito danni, e furti.
Nella maggior parte dei casi il modus operandi è simile, spaccata alla vetrina per entrare e rubare. In alcuni casi, per fortuna, la spaccata non è stata seguita da un atto predatorio, anche se questo non significa che non ci abbiano provato.

Dal Murat a Poggiofranco, da Carrassi al Libertà, il grido dei cittadini è unanime: la città di Bari ha bisogno di maggiore controllo e protezione. Oltre che di politiche che lavorino per prevenire determinati atti. Solo un paio di giorni fa anche l'associazione Fipe Confcommercio si era fatta portavoce dei dubbi e dei timori dei titolari di bar e ristoranti che, lavorando fino a tardi, oltre le 22 ogni sera, cominciano a temere di poter essere vittime di attacchi anche mentre stanno ancora lavorando. Temono di essere aggrediti e che anche i loro clienti possano essere vittime di questi atti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA