Va avanti il progetto dei federati per opporre una candidatura a quella di Melucci

Domenica 24 Ottobre 2021

Il progetto per creare, eventualmente, una candidatura trasversale alle prossime amministrative per Taranto, inevitabilmente alternativa a quella di Rinaldo Melucci, va avanti. Sono infatti tornati a riunirsi venerdì sera i gruppi federati del “Patto per Taranto” che, come recita una nota diffusa ieri mattina, rappresenta una “agorà di forze civiche e moderate, per la definizione di una piattaforma politico - programmatica pronta a discutere del futuro amministrativo della città. Ma non solo”.

La riunione

In una affollata riunione è così proseguito il confronto, avviato la scorsa settimana, tra liste civiche, associazioni, amministratori ed ex amministratori, a cui hanno aderito altri movimenti e noti esponenti della società civile, interessati al progetto politico.
La cartina di tornasole, per capire quale sia il “processo” (come l’hanno chiamato i diretti interessati) in atto è rappresentata dai nomi che hanno preso parte alla riunione. Erano presenti, tra gli altri, Massimiliano Stellato, consigliere regionale e comunale, il consigliere comunale e provinciale Piero Bitetti, Walter Musillo di “Indipendenti per Taranto” ed il presidente della Provincia Giovanni Gugliotti. Quindi, in qualche modo si conferma il legame tra Gugliotti, che è anche sindaco di Castellaneta, e i tre “federati” che al Comune di Taranto sostengono l’amministrazione guidata da Melucci, con annessi ruoli e incarichi anche nelle partecipate. Con loro, i consiglieri comunali in carica Carmen Casula, Tony Cannone, Mimmo Festinante, Aldo Fuggetti, Vincenzo Fornaro, Marco Nilo, Mario Pulpo e Federica Simili. Hanno partecipato, inoltre, i presidenti Pino Rondinelli di “Liberdem” ed Ugo Lomartire di “Grande Taranto”, e gli ex amministratori Michele Patano, Nicola Catania, Pino Lessa, Francesco Cosa, Enzo Todaro e Arturo Masi. Di tutto un po’, insomma. Inoltre hanno fatto pervenire la loro vicinanza al progetto anche Nino Nastasi, Filippo Illiano, Gabriele Pugliese e Franco Boccuni, assenti per motivi personali.
“Al centro dell’incontro - è spiegato nella nota - i temi connessi allo sviluppo della città e le relative, molteplici, proposte. Con lo stesso approccio federativo e conservando la pari dignità degli aderenti e di chi intenderà aggregarsi alla discussione, il Patto per Taranto tornerà a riunirsi la prossima settimana, in una seduta di aggiornamento, per proseguire con i lavori già avviati e definire i temi più significativi utili alla redazione di un dettagliato documento programmatico” che avrebbe come sbocco, naturalmente, una candidatura alternativa a quella dell’attuale sindaco, ricandidato dal Pd.
E proprio nel Pd, in queste ore, si gioca un’altra partita-chiave verso le elezioni, quella per la segreteria provinciale alla quale ambiscono Luciano Santoro (area Emiliano) e Gianni Azzaro, più vicino al sindaco di Bari Decaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA