Mahmood dopo l'incendio a Milano che gli ha distrutto la casa: «Sto bene, la vita è bella». Ma gli haters lo attaccano

Martedì 31 Agosto 2021

«Sto bene. Per fortuna non ci sono state vittime. Un grazie ai vigili del fuoco per l'incredibile lavoro svolto e a voi tutti per i messaggi, vi voglio bene». Con queste frasi il rapper Mahmood, tra i residenti del grattacielo di 18 piani andato a fuoco domenica a Milano, ha rassicurato i suoi follower in una storia Instagram. «La vita è bella» ha poi aggiunto, alla fine del breve video girato in auto per le vie della città.

 

Shitstorm contro Leggo, i commenti (quelli ripetibili) di alcuni fan di Fabrizio Moro

 

 

In questi giorni l'artista era stato preso da mira dagli haters sui social. «Mahmood la casa se la può ricomprare ma voi haters che gioite di quello che è successo, la dignità non potete ricomprarla»: così Ermal Meta su twitter difende il cantante che ha perso casa nell'incendio di Milano.

 

 

 

Su twitter qualcuno si è rallegrato per quanto successo a Mahmood, ma la maggior parte dei tweet sono di condanna per questo atteggiamento, in linea con quello di Ermal Meta. Da parte del vincitore del Festival di Sanremo 2019 con il brano Soldi, nessuna risposta social ai leoni da tastiera. 

 

«Ridere di #Mahmood e di tutta la gente che ha perso la propria casa nell'incendio di Milano vi qualifica esattamente per quello che siete: ominicchi meschini incapaci di dare valore alla propria vita e, per questo, pronti a gioire delle disgrazie altrui. Che pena», scrive proprio su Twitter Clarinette.

Ultimo aggiornamento: 1 Settembre, 13:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA