Sciopero scuola, lunedì 30 maggio lezioni a rischio: ecco le motivazioni

Il corteo partirà dalle ore 10.30 del mattino e, di conseguenza, le lezioni saranno a rischio per l'intera giornata

E' stato indetto per domani, 30 maggio, uno sciopero della scuola e della ricerca
E' stato indetto per domani, 30 maggio, uno sciopero della scuola e della ricerca
2 Minuti di Lettura
Domenica 29 Maggio 2022, 20:21

Sciopero in arrivo. E' stato indetto per lunedì 30 maggio uno sciopero che riguarderà la scuola e il settore della ricerca. A proclamarlo sono stati i sindacati CISL Scuola, FLC CGIL, UIL Scuola, SNALS e GILDA e, in occasione della protesta è prevista anche una manifestazione in piazza dei Santi Apostoli, a Roma.

Leggi anche > Luca Borella muore sotto la doccia. Le ultime parole agli amici: «Ciao ragazzi, a domani»

Il corteo partirà dalle ore 10.30 del mattino e, di conseguenza, le lezioni saranno a rischio per l'intera giornata, come spiega una nota del ministero dell'Istruzione. Alla base della mobilitazione c'è l'opposizione all'approvazione del decreto del governo che riforma il reclutamento e la formazione dei docenti. Secondo i sindacati, non sarebbe giunta "alcuna risposta" in merito alle richieste di modifica del Decreto sul rinnovo dei contratti e la stabilizzazione dei precari. 

Alla base della mobilitazione prevista per la giornata di domani, lunedì 30 maggio, la richiesta di modifica del decreto governativo sulla scuola. I sindacati chiedono lo stralcio di tutte le parti oggetto di contrattazione, la stabilizzazione dei precari con 36 mesi di servizio e l'individuazione di risorse utili al rinnovo dei contratti. «Il governo ha presentato un decreto che interviene su materie come salario e carriera che per ordinamento sono di esclusiva competenza del contratto» hanno spiegato fornendo le motivazioni della protesta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA