Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Il settore aerospazio è ormai strategico»: la Puglia brilla a Dubai

«Il settore aerospazio è ormai strategico»: la Puglia brilla a Dubai
5 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Ottobre 2021, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 10:13

“Un viaggio nella bellezza e nell’innovazione: Puglia, la regione dell’aerospazio”: è il tema della mostra che ha inaugurato ieri a Dubai la Space Week di Expo, la settimana dedicata alla promozione delle eccellenze dell’aerospazio pugliese, nel Padiglione Italia. La Puglia si presenta all’Esposizione universale con le sue imprese, con le start up innovative e raccontando soprattutto una storia di successo che mira a stringere nuovi legami e a creare nuove occasione di crescita, investimenti, occupazione.

Video

EMILIANO
«È un onore essere a Dubai ad aprire nel Padiglione Italia la Space Week dell’Esposizione universale», ha detto il governatore pugliese Michele Emiliano. «Mi rivolgo a chi avremo la fortuna di incontrare in queste giornate di lavoro: noi siamo qui con un grande desiderio di stringere legami, di far crescere le nostre imprese e i nostri giovani innovatori, abbiamo voglia di incuriosire e attrarre nuove realtà che possano venire in Puglia a conoscerci e a insediare nuove realtà produttive. Sarete sempre i benvenuti. Noi ci faremo trovare pronti perché abbiamo un sistema che è attivo e dinamico. Un sistema che può contare su una Regione capace di supportare gli investimenti delle imprese. Su una presenza universitaria e della ricerca che accompagna al meglio lo sviluppo di nuovi processi e prodotti. Su una rete infrastrutturale che ci collega all’Europa e al Mediterraneo e che punta sempre più in alto - è proprio il caso di dirlo - visto che proprio in Puglia c’è l’aeroporto di Grottaglie designato unico Spazioporto italiano che farà viaggiare i voli suborbitali». 

«In questa settimana pugliese dell'aerospazio noi abbiamo voluto essere accanto all'Italia sostenendo lo sforzo italiano all'Esposizione universale e immediatamente siamo venuti qui da voi al Gitex Future Stars - ha detto il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano-. Abbiamo una grande agenzia di investimenti in house della Regione Puglia, Puglia Sviluppo, che vi aspetta, perché cerchiamo partner con molte idee e con voglia di investire per realizzarle». «L'orgoglio pugliese è anche nel lavoro delle numerosissime startup tecnologiche e pmi innovative il cui sviluppo la Regione Puglia, in questi ultimi anni, ha spinto e accompagnato attraverso strumenti di agevolazione come TecnoNidi e altre iniziative come Pin-Pugliesi Innovativi ed Estrazione dei Talenti - ha spiegato l'assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci-. A Gitex Future Stars ne abbiamo accompagnate 9, una delle quali è stata premiata come la migliore startup della collettiva Ice a Gitex. Oggi la Puglia è la settimana regione in Italia e la seconda nel Mezzogiorno sia per numero di startup, 670, sia di Pmi innovative, 109. Questo ci dice che il nostro impegno a favore dell'impresa innovativa dà i suoi frutti e che va incoraggiato. Per questa ragione, il prossimo anno lanceremo nuove misure per startup e accelerazione di impresa». Gitex Future Stars è una fiera leader nell'It e tecnologie digitali, che attrae operatori di settore di tutto il mondo e in particolare del Medio Oriente e Nord Africa

»

.

DELLI NOCI
Per l’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Delli Noci «stiamo facendo conoscere la Puglia e le sue potenzialità, con l’obiettivo di realizzare un vero e proprio polo aerospaziale attorno all’aeroporto di Grottaglie, lo spazioporto pugliese, unico in Italia, che si candida a diventare l’hub europeo di riferimento per i sistemi di trasporto spaziale riutilizzabili. L’aerospazio è uno dei settori strategici in Puglia che ha conquistato, negli ultimi anni, una posizione di rilievo nel panorama internazionale. La Puglia oggi è una delle cinque regioni italiane in cui maggiore è la presenza di attività industriali aerospaziali, anche per numero di insediamenti produttivi. Il settore aerospaziale in Puglia è rappresentato infatti nel 2020 da 540 imprese che occupano complessivamente 7.931 addetti. Siamo l’unica regione italiana nel cui territorio sono presenti contemporaneamente aziende con prodotti diversificati che costituiscono l’intera filiera, dalla produzione di componentistica a quella dei software aerospaziali».

I DATI
I dati sulle esportazioni, illustrati dall’assessore durante la presentazione, dimostrano come l’aerospazio sia un settore centrale nell’economia pugliese: nel 2019 le esportazioni pugliesi nel settore aerospaziale hanno superato il valore di 737,9 milioni di euro, incidendo sulla formazione del risultato nazionale per l’11,9% (nel 2009 il valore incideva sul totale nazionale per meno del 5%).
Rispetto al 2018 l’export pugliese del 2019 è in crescita del 31,8%, a livello nazionale la crescita è stata del 7,6%. Nel 2020, nonostante la pandemia, la Puglia ha esportato aeromobili, veicoli spaziali e relativi dispositivi per 541,266 milioni di euro. Nei primi 6 mesi del 2021, il fatturato export pugliese ha superato i 194 milioni di euro.
Il rettore del Politecnico di Bari Francesco Cupertino ha aggiunto: «Siamo qui a Dubai insieme: istituzioni, rappresentanti delle aziende, sistema della formazione universitaria, convinti di dover mirare a obiettivi condivisi e creando le condizioni per realizzarli. I modelli delle collaborazioni pubblico-privato che abbiamo sperimentato in Puglia possono permetterci di puntare a nuovi orizzonti di livello internazionale. Siamo qui per far vedere cosa abbiamo saputo fare, per trovare nuove sinergie e guardare al futuro di una regione sempre più aerospaziale, universitaria e internazionale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA