Siccità, Sos dagli agricoltori un appello: «Campagne senza acqua, servono risorse finanziarie»

Siccità, Sos dagli agricoltori un appello: «Campagne senza acqua, servono risorse finanziarie»
4 Minuti di Lettura
Domenica 19 Giugno 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 09:26

Non bastavano i rincari energetici dovuti - almeno in larga parte - alla guerra in Ucraina, o i batteri killer (vedere alla voce xylella) a distruggere i campi. La nuova emergenza per il settore agricolo in queste settimane è la siccità. La “secca” nel mese di giugno - così come per tutti gli altri mesi estivi - è ovviamente tutt’altro che una novità. Il problema, così come confermato dagli agricoltori, deriva però da un inverno non molto piovoso e da una primavera che fatto registrare praticamente zero precipitazioni. O, quantomeno, nulla che abbia potuto coprire anche solo in parte il fabbisogno idrico della terra. 

COLDIRETTI


Secondo Coldiretti, in Puglia le aree affette dal rischio desertificazione rappresentano il 57% della superficie utilizzabile e il conto pagato dall’agricoltura soggetta ai cambiamenti climatici e alla siccità è salato, pari ad oltre 70 milioni di euro. Negli invasi artificiali mancano 80 milioni di metri cubi d’acqua rispetto alla capacità, secondo i dati dell’Osservatorio Anbi Nazionale, quando a preoccupare è la riduzione delle rese di produzione – afferma Coldiretti Puglia - delle coltivazioni in campo come il grano e degli altri cereali, ma anche quella dei foraggi per l’alimentazione degli animali e di ortaggi e frutta che hanno bisogno di acqua per crescere.

La siccità, che distrugge le coltivazioni e favorisce i roghi, è diventata la calamità più rilevante per l’agricoltura in Puglia che convive con un vero e proprio paradosso idrico, dilaniata da drammatici fenomeni siccitosi con danni stimati di oltre 70 milioni di euro all’anno per l’impatto devastante sulle produzioni agricole e sulla fertilità dei terreni e al contempo è colpita – conclude Coldiretti Puglia - da alluvioni e piogge torrenziali che provocano allagamenti ma non riescono a sopperire alla grave carenza di acqua, in una situazione in cui con l’emergenza Covid l’acqua è centrale per garantire l’approvvigionamento alimentare delle famiglie. In questo scenario di profonda crisi idrica è necessario agire nel breve periodo per definire le priorità di uso delle risorse idriche ad oggi disponibili – insiste Coldiretti - dando precedenza al settore agricolo per garantire la disponibilità di cibo, prevedere uno stanziamento di risorse finanziarie adeguate per indennizzare le imprese agricole per i danni subiti a causa della siccità e favorire interventi infrastrutturali di medio-lungo periodo volti ad aumentare la capacità di accumulo dell’acqua e della successiva ottimizzazione nella gestione.

LA POLITICA


Sul tema siccità si muove anche la politica. I consiglieri regionali di Forza Italia Paride Mazzotta, Giandiego Gatta, Vito De Palma e Paolo Dell’Erba annunciano una mozione «per impegnare la Giunta regionale a sposare il progetto redatto dall’organizzazione del mondo agricolo e dall’Anbi, immediatamente cantierabile per la realizzazione di piccoli invasi.
Emiliano dovrebbe pensare meno alla gestione del potere e di più ai problemi della Puglia: la nostra agricoltura sta rischiando di crollare ed i nostri terreni, oggi coltivati, di diventare “paesaggi lunari”».
Ieri è intervenuto anche il consigliere regionale del Pd Fabiano Amati: «Eppure lo dico da anni - premette - e l’ultima volta nel giugno 2021. Per la mancata manutenzione straordinaria di cinque dighe, buttiamo a mare 166 miliardi di litri d’acqua. Eppure ci sono 12,5 milioni di euro a disposizione per fare questi lavori, ma tutto si ferma tra ricorsi e burocrazia e c’è una sesta diga, la Pappadai, che risulta inutilizzata e potrebbe contenere 20 miliardi di litri d’acqua. Uno spreco da fare spavento e oggi piangiamo per la siccità. E pensare che per la realizzazione dei lavori è stato nominato pure un commissario. Ma forse serve un generale dell’esercito, perché qui si tratta di resistere all’invasione della sete».

© RIPRODUZIONE RISERVATA