Covid, quasi 7mila nuovi casi in Puglia. Più di 50mila gli attualmente positivi

Covid, quasi 7mila nuovi casi in Puglia. Più di 50mila gli attualmente positivi
3 Minuti di Lettura
Sabato 2 Luglio 2022, 14:43 - Ultimo aggiornamento: 3 Luglio, 12:03

Oggi in Puglia si registrano 6.968 nuovi casi di contagio da Coronavirus su 21.875 test analizzati nelle ultime 24 ore per una incidenza del 32%. I decessi sono stati sei.

I casi per provincia

I nuovi casi sono stati individuati nelle province di Bari (2.170), Bat (619), Brindisi (696), Foggia (892), Lecce (1.531) e Taranto (897). Sono residenti fuori regione altre 143 persone risultate positive in Puglia, mentre non si conosce la provincia di appartenenza di altri 20 casi. Torna sopra quota 50mila il numero degli attualmente positivi: sono 52.666 di cui 338 ricoverati in area non critica (ieri 321) e 14 in terapia intensiva (come ieri).

Il rischio "blocco" per i troppi positivi

«Si dovrà iniziare a ragionare sulla eventualità che i lavoratori dei servizi essenziali, come sicurezza e sanità, in assenza di sintomi possano comunque prestare servizio indossando sempre le Ffp2». Così l'epidemiologo dell'Università del Salento, Pier Luigi Lopalco, in un'intervista alla Stampa. E nei luoghi di lavoro lei le farebbe ancora indossare? «Con questo numero di contagi sì, perché non si tratta solo di tutelare la salute dei lavoratori ma anche di garantire la funzionalità dei servizi messi a dura prova dalle assenze per contagio», sostiene. Cosa dovremmo fare per non ritrovarci punto e a capo in autunno? «Con Omicron 5 non si riesce a fermare la circolazione del virus. Serve un'altra strategia. Proteggere i fragili, utilizzando meglio le armi terapeutiche che abbiamo a disposizione e spingendo di più sulla quarta dose perché anche i vaccini di oggi proteggono bene dalla malattia grave. Serve anche - sottolinea - riorganizzare gli ospedali per isolare i positivi, senza però rimettere in piedi i Covid hospital che con la minore patogenicità del virus attuale sarebbero uno spreco». In Thailandia è stato accertato un caso di contagio Covid dal gatto all'uomo. Dobbiamo preoccuparci anche dei nostri animali domestici? «Sapevamo già che i mammiferi possono essere un serbatoio di coronavirus. Ma il passaggio all'uomo è un evento comunque rarissimo. Direi che non è il caso di mettere la mascherina al gatto», spiega. E noi che vacanze passeremo? «A luglio questa ondata andrà ad esaurirsi e se non spunterà qualche nuova e più insidiosa variante dovremmo passare un ferragosto tranquillo. Ma personalmente non sono in ansia nemmeno ora, perché sono vaccinato e se devo andare a trovare una persona fragile o restare un pò di tempo al chiuso con estranei indosso la mascherina. Basta seguire queste regole e si può vivere serenamente anche sotto l'onda anomala questo scorcio d'estate», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA