Coronavirus, Conte: «Chiuse fino al 3 aprile le attività produttive non necessarie. Aperti alimentari, farmacie, edicole, Poste, banche e tabaccherie»

Sabato 21 Marzo 2020
Coronavirus, Conte: ««Chiuse fino al 3 aprile le attività produttive non necessarie. Aperti alimentari, farmacie e Poste»

Non si placano le polemiche per l'intervento di Giuseppe Conte in diretta Facebook sabato sera. «Intollerabili i metodi di comunicazione da regime totalitario utilizzati dal Governo per l'emergenza coronavirus: dichiarazioni trasmesse in orari improbabili, con continui ritardi e attraverso la pagina personale di Giuseppe Conte su Facebook, come se in Italia non esistessero le Istituzioni, la televisione di Stato e la stampa», scrive la leader di FdI, Giorgia Meloni. Pier Ferdinando Casini sul suo profilo Facebook, esprime «a voce alta il disagio per le modalità con cui ieri Conte si è rivolto al Paese: la TV pubblica ha bloccato per più di un'ora le trasmissioni di prima serata, collegandosi alla pagina Facebook del Premier, per un messaggio che poteva tranquillamente essere dato questa mattina. 

Coronavirus, Salvini: «Conte ci ha ascoltato, ma tardi». Iv: «Basta dirette Facebook, non è il Gf»

«Non c'era alcun motivo di sequestrare il sabato sera già blindato in casa degli italiani con un'ora di attesa per una diretta Facebook in cui non ha chiarito ciò che è rilevante e ciò che è accessorio, seminando incertezza», spiega Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.
Ma c'è chi prende le difese del premier. «Verrà il tempo dell'analisi e degli scontri, ma ora non possiamo permetterci le polemiche, mentre migliaia e migliaia di cittadini stanno al fronte», dichiara il ministro per i Beni culturali, Dario Franceschini
«Ieri il premier e alcuni governatori hanno detto che verranno chiuse altre aziende. Se questa è la scelta fatta dallo Stato, la rispettiamo e dobbiamo dare una mano. Contemporaneamente, penso che sia fondamentale mettere in campo la liquidità necessaria, o avremo un problema di tenuta» delle imprese, ha detto il leader di Iv Matteo Renzi.

Coronavirus, il premier Giuseppe Conte in diretta Facebook ha annunciato nuovi provvedimenti presi per contenere l'emergenza Covid19. Decise le chiusure delle attività non strettamente necessarie. Restano aperti gli alimentari e le farmacie, le banche e le Poste, edicole e tabaccherie. Poste, servizi bancari e tabaccai. Le nuove misure restrittive annunciate dal premier Giuseppe Conte scatteranno da lunedì 23 e sono valide fino al 3 aprilePertanto, le attività produttive che rientrano nelle restrizioni annunciate nella giornata del 22 saranno regolarmente aperte.

«Lo Stato c'è, il governo interverrà con misure straordinarie che ci consentiranno di rialzare la testa», dice Conte in diretta Facebook, soffermandosi sulle conseguenze economiche dell'emergenza coronavirus.

Conte: «Rallentiamo il motore dell'Italia ma non lo fermiamo». «Rallentiamo il motore produttivo del paese ma non lo fermiamo. Non è una decisione facile, ma si rende necessaria oggi per poter contenere quanto più possibile la diffusione dell'epidemia», dice il premier, che in apertura del suo discorso in diretta Facebook ha parlato di misure severe ma necessarie: «Dobbiamo resistere».

Coronavirus, oltre 300.000 casi nel mondo, 13 mila morti

Coronavirus, a Bergamo nuova processione di bare. Appello dei medici: «Chiudere tutto»

Nuovo record di morti da coronavirus in Italia. E il premier Giuseppe Conte parla a tarda sera in diretta su Facebook: «È necessario compiere un altro passo - dice - dobbiamo chiudere in tutto il territorio nazionale ogni attività produttiva non necessaria, non indispensabile a garantirci beni e servizi essenziali». Chiusura delle fabbriche, come avevano chiesto le Regioni del Nord. Il premier assicura che «continueranno a restare aperti tutti i supermercati, i negozi di generi alimentari e di prima necessità. Non c'è ragione di fare code e corse agli acquisti. Resteranno aperte farmacie, servizi bancari, postali assicurativi, assicureremo tutti i servizi pubblici essenziali come i trasporti».
 


Ma «al di fuori delle attività essenziali consentiremo solo il lavoro in modalità smart working e attività produttive rilevanti per il Paese. Riduciamo il motore produttivo dell'Italia, ma non lo arrestiamo». Il presidente del Consiglio, che ha parlato della «crisi più grave dal secondo dopoguerra», sottolinea che si tratta di una decisione «difficile ma necessaria. Lo Stato comunque c'è. Uniti ce la faremo».

Gli ultimi dati sono agghiaccianti. Oggi le vittime hanno raggiunto il picco massimo, 793 (546 solo in Lombardia), portando il totale a 4.825. I malati sono diventati 42.681 (4.821 in più rispetto a ieri). Un'escalation che ha fatto salire la richiesta al Governo di Regioni, Comuni ed anche sindacati di attuare una chiusura totale. Il governatore della Lombardia Attilio Fontana emana in serata un'ordinanza per bloccare uffici pubblici, studi professionali, cantieri, attività all'aperto, con termoscanner anche nei supermercati «Le nostre autorità sanitarie - dice Fontana - ci impongono di agire nel minor tempo possibile.
 


Coronavirus, Salvini: «Conte ci ha ascoltato, ma tardi». Meloni: «Dal premier piccoli passi»

La situazione non migliora anzi, continua a peggiorare». Iniziativa analoga adottata anche dal presidente del Piemonte Alberto Cirio: «chiudiamo tutto quello che è possibile, in base ai poteri delle Regioni. Questa è la più grande emergenza dal dopoguerra». L'appuntamento con la conferenza stampa delle 18 alle Protezione civile è ormai diventato un bollettino di guerra. La linea di morti e positivi continua a salire. Fortunatamente aumentano anche i guariti (6.072, 943 più di ieri). Il virus è diffuso in tutte le regioni, Lombardia in testa (25mila i malati, quasi la metà del totale), mentre «i numeri al Sud - spiega il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli - sono ancora fronteggiabili. Si sta facendo una corsa contro il tempo e si lavora senza sosta e senza tregua».

Per arrestare la diffusione del virus, la ricetta, puntualizza il presidente dell'Iss, Silvio Brusaferro, è sempre quella del «distanziamento sociale. Non abbiamo ancora preso sufficientemente sul serio il pericolo». E per sperare in un vaccino, aggiunge, bisogna aspettare fine anno. Ancora mesi di battaglia, dunque, con Regioni e Comuni sulla linea del fuoco a chiedere di più, anche se Borrelli fa notare che quelle attuali sono «le misure massime che si potevano adottare. Dopodiché c'è la chiusura totale e mi domando come potremmo sostenerci se non usciamo a fare la spesa».

La regola principale resta quella di non uscire di casa, ma sono molti i trasgressori: ieri i denunciati sono stati 10mila, il numero più alto dal'entrata in vigore dei divieti. Per loro la procura di Milano caldeggia il pugno di ferro: arresto fino a sei mesi ed ammenda, senza oblazione. Sul fronte sanitario sono arrivate quasi 8.000 risposte all'appello per creare una task force di 300 medici volontari da mandare nelle aree più colpite. «Grazie a tutti, eroi in camice bianco», ha detto Conte. Buone notizie anche sul fronte mascherine. La prossima settimana ne arriveranno 12 milioni dalla Cina. Saranno le prime dei lotti da 100 e 50 milioni stipulati dal Governo con la Byd e un'altra azienda privata cinese attraverso la mediazione della Farnesina. Novità, infine, sul versante dei giochi. L'Agenzia per le Dogane e i Monopoli ha sospeso il Lotto e il Superenalotto. La decisione, riportata in una circolare, riguarda tutte le lotterie e le slot machines.

Confapi: ok a chiusura attività, tranne che quelle strategiche. «Oggi più che mai dobbiamo essere un Paese solo, la salute è un bene comune che va tutelato a Nord come a Sud. Perciò in nome della responsabilità e dell'unità di intenti nella lotta al Coronavirus, concordiamo nel chiudere tutte le attività lasciando ovviamente aperte le aziende veramente strategiche e delegando ai Prefetti il compito di verificare l'attuazione di queste disposizioni e tutte le particolari esigenze». Così il presidente di Confapi, Maurizio Casasco, al termine della videoconferenza con il presidente Conte e le parti sociali.

«Contemporaneamente a questo atto di coesione e responsabilità, bisogna però affrontare con urgenza e coraggio i temi del fisco e del credito. Ipotizzando da subito una lunga dilazione degli oneri fiscali per tutti, la non applicazione delle regole contabili Ifrs9 e aprendo immediatamente un tavolo con Abi per richiamare gli istituti di credito alla loro responsabilità sociale e all'attenzione per le attività produttive sui territori. Spetterà ovviamente al presidente Conte e al Governo a prendere le decisioni più opportune», conclude Casasco.
 

 
 

Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 17:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento