Salento Security, la Prefettura riabilità la società: potrà continuare a lavorare con le Pa

Salento Security, la Prefettura riabilità la società: potrà continuare a lavorare con le Pa
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Marzo 2022, 20:45

Salento Security, il Tar conferma l'estraneità ai fatti da parte della società e la Prefettura riabilita la società che potrà continuare a lavorare con le pubbliche amministrazioni. 

Il provvedimento della Prefettura di Lecce

La Prefettura di Lecce, con provvedimento del 16 marzo scorso, ha dunque riabilitato la società,  Salento Security Srl, con la liberatoria antimafia vista l’insussistenza di elementi che possano confermare eventuali tentativi di infiltrazione mafiosa, tendenti a condizionarne le scelte e gli indirizzi. La Securty service infatti era stata raggiunta, nell'aprile del 2021, da un'interdittiva antimafia a seguito dell'esplosione di un ordigno davanti alla sede della società e il rischio che si potesse trattare di un tentativo di estorsione nei confornti della società.

Barese, provvedimento interdittivo antimafia a concessionaria del servizio di refezione scolastica

La Salento Security s.r.l., assistita  dai legali Saverio Sticchi Damiani e Francesco Spagnolo, si è  sempre dichiarata estranea a qualsiasi contatto con la criminalità locale ritenendo di presentare non solo il ricorso al Tar Lecce ma di chiedere volontariamente istanza di ammissione al controllo giudiziario al fine di dimostrare la sua totale impermeabilità rispetto a qualsiasi attività criminale.

Brindisi, cooperativa in odore di mafia. Caos servizi, vertice in Comune

La procedura del controllo giudiziario si è poi conclusa  il 28 febbraio scorso con il provvedimento del Tribunale Penale di Lecce che ha confermato, sulla base delle relazioni positive redatte dall’Amministratore giudiziario della Società, la correttezza e trasparenza della gestione della Società, improntata alla massima legalità.

Dunque ora a seguito del provvedimento emesso dalla Prefettura di Lecce la società sarà libera di continuare ad operare con le Pubbliche Amministrazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA