Puglia a quota 158 casi. Tre decessi nel Salento. Positiva una detenuta. Arrivano nuove ambulanze

Puglia a quota 158 casi. Tre decessi nel Salento. Positiva una detenuta. Arrivano nuove ambulanze
di Maddalena MONGIÒ
5 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Marzo 2020, 12:22 - Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 21:07

Salgono a 158 i casi positivi al coronavirus registrati in Puglia fino a oggi. La Regione ha comunicato l'ultimo aggiornamento questa sera. I nuovi casi positivi sono cosi suddivisi:
12 in provincia di Bari;
8 in provincia Bat;
4 in frovincia di Brindisi;
18 in Provincia di Foggia;
6 in Provincia di Lecce;
2 in provincia di Taranto
 
NUOVE AMBULANZE NEL SALENTO
Con l'aumento dei casi sospetti di Covid-19 il direttore del 118 della Asl di Lecce ha deciso di predisporre 5 ambulanze dedicate sono al trasporto di questi pazienti. Le postazioni saranno collocate: 3 a Lecce, 1 ad Aradeo, 1 a Gallipoli. Nella giornata di domani potrebbe essere attivata una sesta ambulanza.
Sinora solo oggi sono stati portati in ospedale, dal 118, circa 15 casi sospetti. I numeri salgono di giorno in giorno, anche se i casi positivi ancora non fanno registrare grandi numeri. Se a contenere il dilagare dell’infezione siano le misure forti assunte dal Governo o se i numeri bassi siano legati al fatto che i tamponi vengono fatti solo ai sintomatici, si comprenderà con l’evoluzione dell’epidemia.

LA PAZIENTE MORTA A COPERTINO
Una donna di 74 anni che era stata trasferita da Copertino al reparto di Malattie infettive del "Vito Fazzi" di Lecce è morta nelle scorse ore. La donna era risultata positiva al coronavirus. A Lecce è il terzo decesso. La prima è stata l'88enne ricoverata in Medicina a Copertino. Il caso del 75enne, originario di Monteroni e morto nell'ospedale di Galatina dopo essere transitato da quello di Copertino, è stato ufficializzato come causato dal coronavirus. In Puglia sinora, secondo il bollettino sanitario, ci sono stati sette decessi.

I NUOVI CASI NEL SALENTO
Altri 4 nuovi casi nella giornata di oggi che si aggiungono alle 2 donne (1 è una detenuta del carcere di Lecce) risultate positive al coronavirus questa mattina. I nuovi contagiati sono una dottoressa dell'Ospedale di Copertino e un paziente di Geriatria dello stesso nosocomio (negativi al tampone tutti gli altri degenti) e due donne visitate ieri da uno pneumologo privato e da un medico in servizio nel reparto di Medicina dell'Ospedale di Galatina. Si attendono ora i provvedimenti di quarantena e/o sanificazione per le strutture sanitarie in questione.

Positive al tampone dottoressa e giudice onorario. Al Perrino difficoltà nella Terapia intensiva. Chiusa la sede Rai regionale. Due navi militari atraccate nel porto
LEGGI ANCHE: Controlli dentro e fuori i comuni: sfilza di multe e denunce

Nella notte 7 casi sospetti al Vito Fazzi di Lecce e una donna è risultata positiva al coronavirus. Anche un'altra donna, una detenuta del carcere di Lecce, è risultata positiva e sarà trasferita agli Infettivi del Fazzi. È questo il bilancio di un’altra notte difficile mentre si rincorrono le segnalazioni e le richieste di soccorso. Intanto, grazie al piano regionale per fare fronte all'emergenza, sale a 3 il numero degli ospedali che l'Asl Lecce ha deciso di destinare ai contagiati.

A LECCE PAZIENTE ARRIVATO  NELLA NOTTE DA BERGAMO

Questa notte è arrivato alle 23.30, all'aeroporto di Bari Palese, un paziente proveniente da Bergamo, con volo militare, intubato e in condizione critiche. Il 118 di Lecce è stato allertato dal Cross di Pistoia (la centrale operativa che sta coordinando la maxi emergenza per i posti di terapia intensiva) perché al Vito Fazzi di Lecce erano stati riservati due posti per i pazienti Covid-19 del territorio nazionale. All'1.30 l'ambulanza è arrivata a Lecce dove il paziente è stato trasportato in Rianimazione con una barella contenitiva per evitare possibili contagi dell'ambiente.

TERZO POLO OSPEDALIERO A SAN CESARIO
Il nuovo ospedale Covid-19 è il Polo riabilitativo di San Cesario, in provincia di Lecce, collegato al Vito Fazzi. È di ieri la disposizione di servizio del direttore sanitario della Asl di Lecce, Roberto Carlà, con cui si dispone l’attivazione di 11 posti letto di Riabilitazione nell’Ospedale di Galatina e il trasferimento dei pazienti al momento ricoverati a San Cesario. 
Sale, dunque, nel Salento il numero di posti letto per il Covid-19 dove erano già stati destinati il Dea del Vito Fazzi di Lecce con 160 posti letto e 40 di terapia intensiva, l’Ospedale di Copertino, oltre ai posti letto per infettivi nell’Ospedale di Galatina.

LEGGI ANCHE: Brindisi, la San Giusto attracca nel porto: intero equipaggio in quarantena

ARADEO: FINE DELLA QUARANTENA
Intanto ad Aradeo, il comune salentino che ha registrato il primo contagio, ieri in 8 sono ufficialmente usciti dalla quarantena. Oggi altri 16 e domani "firmeranno" altri ancora. Questa sera alla 18 anche il piccolo centro salentino parteciperà al flash mob musicale che coinvolgerà tutta Italia.

MASSAFRA: TAMPONI NEGATIVI E FINE ISOLAMENTO
Cinque tamponi negativi al contagio da coronavirus in provincia di Taranto. A darne notizia il sindaco di Massafra Fabrizio Quarto con un videomessaggio pubblicato sulla pagina social del Comune. Il sindaco ha spiegato che si tratta di controlli collegati al caso di contagio di un dirigente della società Cisa di Massafra. I cinque tamponi, quattro a Massafra e uno a Taranto, sono stati effettuati su persone che erano entrati in contatto con il paziente. Gli accertamenti, fortunatamente, hanno escluso il contagio. Lo stesso primo cittadino ha spiegato che si sta concludendo anche il periodo di quarantena volontaria per i dipendenti della stessa azienda che aveva immediatamente fatto scattare le precauzioni previste per evitare il contagio.​

L'ANNUNCIO DI UN CASEIFICIO ALLA CLIENTELA
Con grande rispetto della propria clientela e del prossimo, un caseificio di Cavallino - L'Amordi Latte - ha annunciato la chiusura dell'attività per sanificazione degli ambienti dopo che un collaboratore, non addetto alla vendita e non a contatto con il pubblico, è risultato positivo al tampone. Da comunicazione dell'azienda, le persone entrate in contatto con il dipendente sono in quarantena da otto giorni. La riapertura al pubblico è prevista per venerdì prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA