Ricoverata a Casarano in Geriatria, muore di Covid: è il secondo decesso in pochi giorni. I figli presentano denuncia: «Indagate per omicidio colposo»

Venerdì 9 Aprile 2021

Contrae il Covid durante un ricovero nel reparto di Geriatria dell'ospedale di Casarano. E quella che doveva essere una degenza di pochi giorni, per aiutarla a espellere acidi urici, diventa un dramma: è morta così una anziana 83enne di Supersano, stroncata dal nuovo coronavirus che l'ha aggredita in una forma violentissima. E i due figli dell'anziana, un noto avvocato del Foro di Lecce e un ufficiale dei carabinieri, hanno presentato denuncia alla caserma dell'Arma con l'avvocato Angelo Greco. Omicidio colposo ed epidemia colposa le ipotesi di reato messe nero su bianco. Obiettivo della denuncia: chiedere che venga appurato se vi siano state responsabilità nella gestione del ricovero e nel contagio della 83enne.

 

Dal ricovero alla morte

 

La donna è stata ricoverata a Casarano il 17 marzo scorso. All'ingresso, è stata sottoposta a tampone, risultato negativo. Come negativi sono risultati i tamponi dei giorni successivi, effettuati come controllo. L'anziana rispondeva alle cure e alla famiglia, che l'aspettava a casa, i medici hanno detto che di lì a poco sarebbe stata dimessa. Ma a quel punto è sopraggiunto il Covid e la situazione è precipitata.

Trasferita da Casarano a Galatina il 3 aprile, la 83nne muore cinque giorni più tardi, l'8 aprile. E il suo è il secondo decesso registrato a Casarano fra i pazienti ricoverati con tampone negativo. Il 5 aprile, infatti, è morto un 85enne di Galatone, trasferito da Casarano al Dea sempre il 3 di aprile. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA