Natale, appello Anci ai sindaci: «Festeggiare ma con cautela»

Natale, appello Anci ai sindaci: «Festeggiare ma con cautela»
di Maurizio TARANTINO
4 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Novembre 2021, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 18:29

Festeggiare il Natale con cautela e attenzione. Il consiglio arriva da Anci ed è rivolto a tutte le amministrazioni alle prese, in questo periodo, con la programmazione degli eventi. Una indicazione non prescrittiva che trova la sua ragione nei dati sulla diffusione del coronavirus, in costante ripresa in queste ultime settimane. La paura di dover ritornare a misure più drastiche dopo la “sbornia” di shopping e appuntamenti natalizi, è forte e i sindaci non vogliono trovarsi a dover subire provvedimenti restrittivi in una fase delicata della stagione, con gli esercenti preoccupati di dover fare i conti con chiusure e disdette.

Le difficoltà dei sindaci


Insomma, i primi cittadini si trovano tra l’incudine e il martello, intenzionati ad assecondare la giusta voglia di normalità delle persone, ma allo stesso tempo timorosi di vedere comportamenti poco responsabili che, in breve tempo, potrebbero portare ad una nuova recrudescenza dell’incidenza del virus. 
«Si tratta solo di buon senso - commenta il vicepresidente di Anci Puglia, Ettore Caroppo -, perché i sindaci sono già consapevoli di quella che è la strada maestra da perseguire, cioè la massima cautela in ogni situazione. Non possiamo permetterci di ritornare a vivere questo periodo come lo scorso anno, con grandi sacrifici da parte di ognuno. Lo possiamo evitare senza per questo sminuire la vitalità che anima le feste natalizie». Caroppo non è disponibile a compromessi al ribasso: «I mercatini, le manifestazioni, gli appuntamenti - spiega - devono essere ragionati e organizzati con grande accortezza in modo da evitare la diffusione del contagio. Non possiamo permetterci di richiamare folle di persone in piazze e vicoli solo per mantenere una tradizione. Purtroppo l’emergenza non è ancora finita e dovremo fare i conti con questa epidemia ancora per diverso tempo». I sindaci sono scottati da mesi di chiusure con conseguente crollo delle attività e, in linea di massima, indisponibili ad avallare il “liberi tutti”. «La parola d’ordine è responsabilità - conclude Caroppo - e su questo dobbiamo battere proprio per non pagarne le conseguenze nei mesi a venire visto che già la situazione sanitaria è peggiorata in maniera rapida negli ultimi giorni».

Eventi a Lecce


Qualcosa in ogni caso si muove negli uffici salentini riguardo la programmazione, anche perché non è possibile aspettare l’ultimo momento per definire appuntamenti o accendere luminarie. Nel capoluogo la partenza è fissata alla vigilia dell’Immacolata: il 7 dicembre in piazza Mazzini sarà allestito il mercatino dei giocattoli, in piazza Sant’Oronzo saranno preparati gli stand dei Cioccolatieri (dal 7 al 12) invece ai Teatini un ritorno al passato con le bancarelle dei pupi. E poi luci e addobbi in piazza Duomo, dove sarà allestito il presepe artistico.

Eventi in provincia


A Otranto, dove tradizionalmente si aspetta l’alba del nuovo anno, le proposte sono varie, sia da parte del Comune che da parte degli imprenditori locali. Rassegne enogastronomiche, piccoli concerti, mostre, esposizioni per giungere alla rassegna Alba dei Popoli di dicembre che quest’anno, sarà improntata su di una serie di eventi particolari che hanno come fulcro il castello Aragonese ed il centro storico. Altro Comune al lavoro per le feste di dicembre è Nardò. In piazza Salandra, che sarà valorizzata da un sistema di illuminazione artistica, è previsto un ricco programma di animazione per bambini e famiglie con giochi d’altri tempi e spettacolo di clown. Un altro “centro” della Notte Bianca è piazza Cesare Battisti, chiusa al traffico sino al 9 gennaio. Oltre al caratteristico albero di Natale all’ingresso del castello, la piazza ospiterà l’attesissima Giostra dei Desideri. La piazza è anche il capolinea del Trenino di Natale a trazione elettrica, gestito da Salento Open Tour. Percorrerà (tra le 18 e le 22) le principali vie della città, con una fermata anche in piazza Salandra e sarà gratuito. Dedicato soprattutto ai bimbi, il trenino ospiterà piccoli eventi. Iniziativa speciale di questa Notte Bianca sarà il “Teatro aperto”, cioè l’apertura del Teatro comunale, dalle 19 alle 22, a chiunque voglia visitarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA