Festival mondiale della creatività, a Sanremo trionfa la band salentina

Mercoledì 11 Maggio 2022

Si chiama Gef, Festival Mondiale delle Creatività, e quest'anno è stato vinto da una band salentina di giovanissimi che si sono esibiti a Sanremo, sul palco dell’Ariston.  


I protagonisti della bella vittoria vengono dal Salento. Hanno partecipato con il loro brano inedito “Frammenti” nella categoria Musica. Tutti vengono dall'Accademia di Musica di Lecce Yamaha Music School e sono allievi del Laboratorio Creativo di Musica d'Insieme diretto dal Maestro Salvatore Casaluce. I vincitori sono: Veronica Nicolì e Victor Toscano (voci), Alessandra Capoccia (pianoforte), Lorenzo De Giuseppe e Alessandro Rizzo (chitarre), Fabrizio Giacomi e Carlo Valente Renda (tastiere e sinth), Gabriele Potì e Marco Limongelli (batteria e percussioni).

 

Tutto pronto per il concerto di Alessandra Amoroso a San Siro. E Trenitalia prepara l'offerta per raggiungere Milano

Il maestro Casaluce

«Non possiamo che essere felici e orgogliosi del traguardo raggiunto - afferma il Maestro Salvatore Casaluce. I ragazzi, nonostante la giovanissima età (hanno tutti tra i 13 e i 15 anni) sono reduci da un lungo periodo di formazione e di preparazione, iniziato tre anni fa. Il nostro metodo prevede un lavoro sullo sviluppo della creatività, facciamo in modo che non imitino o emulino i loro riferimenti musicali, ma sappiano reinterpretarli creativamente. Con loro abbiamo creato il testo del singolo che è stato premiato, abbiamo curato la parte armonica e gli accordi, poi siamo passati alla fase melodica e infine il brano è stato ‘vestito’ con un arrangiamento moderno. Insomma, non si tratta di mera riproduzione di un brano, ma abbiamo lavorato su tutte le fasi della composizione creativa del pezzo».

 

La direttrice

«Vedere i ragazzi sul gradino più alto del podio – afferma Barbara Lofari, direttrice della Accademia di Musica di Lecce Yamaha Music School, attiva a Lecce da 25 anni – è per noi motivo di grande gioia e soddisfazione. L’evento è uno fra i più importanti al mondo, si sono iscritti per parteciparvi migliaia di ragazzi da ogni parte del pianeta, non era facile primeggiare. Per loro è stata una grande emozione suonare su quel palco così prestigioso che pochi mesi prima è stato calcato anche dai Maneskin, loro idoli. Ma loro sono stati bravissimi, a gestire l’emozione e a suonare ad altissimi livelli. Continueremo a seguirli, chiaramente, e a continuare questo percorso al loro fianco».

© RIPRODUZIONE RISERVATA