Lecce, scritte no vax sulle scuole. I presidi: inaccettabile attacco ai diritti

Lecce, scritte no vax sulle scuole. I presidi: inaccettabile attacco ai diritti
2 Minuti di Lettura
Venerdì 4 Febbraio 2022, 12:08 - Ultimo aggiornamento: 5 Febbraio, 14:42

Scritte no-vax sono comparse sui muri di alcune scuole della provincia di Lecce. «Questo non è vandalismo ma lotta per i diritti», «i vaccini uccidono, il governo nasconde la verità», «morti C19 per protocolli assassini», e «obbligo al vaccino stupro del diritto» sono alcune delle frasi scritte.

 

I presidi: attacco inaccettabile

«Inaccettabile attacco no-vax alle scuole» dice il presidente dell'associazione presidi della Puglia, Roberto Romito. «Gli stessi autori sono solerti nell'autogiustificarsi, evidenziando che non si tratta di atti vandalici, ma solo di forme di manifestazione di un dissenso democratico. Cosa ci sia di democratico - aggiunge Romito - nell'imbrattare i muri di una scuola o di un qualsiasi edificio, risulta difficile da comprendere. Considerati gli innumerevoli spazi disponibili per convegni, dibattiti ed eventi per elaborare soluzioni alternative a quelle scelte dal governo per affrontare e gestire la pandemia, compresa la scelta di sostenere le lezioni in presenza, imbrattare scuole ed edifici non si comprende come lo si possa definire se non come oltraggioso atto vandalico».

Amo Puglia: solidarietà ai dirigenti

Anp Puglia «esprime solidarietà convinta ai dirigenti, ai docenti e al personale tutto operante negli istituti scolastici che, da due anni, è al lavoro per garantire il diritto allo studio e il diritto alla salute dei cittadini, spesso chiamato a supplire compiti e responsabilità di altre amministrazioni» e auspica che «vengano individuati al più presto i responsabili e si chieda loro, quantomeno, il ristoro delle risorse pubbliche impegnate per il ripristino del decoro degli spazi». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA