Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Infermieri, sì al corso di laurea: subito 75 posti con Unisalento

Infermieri, sì al corso di laurea: subito 75 posti con Unisalento
di Giuseppe ANDRIANI
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Febbraio 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 14:22

Unisalento si candida per un corso in infermieristica, afferente alla classe delle professioni sanitarie. Dovrebbe partire a Lecce già da settembre di quest'anno. In realtà il corso è già esistente ma è gestito dall'Università di Bari, tanto nel capoluogo salentino, quanto a Tricase, dove gli studenti seguono le lezioni in due sedi distinte. La proposta di Unisalento, per ora formalizzata per il corso di Lecce, ha già avuto il parere favorevole della giunta regionale. La sede didattica sarà nel Presidio Ospedaliero “Vito Fazzi” di Lecce, individuando l’Azienda Sanitaria Locale di Lecce quale struttura di riferimento del corso di studio, avendo valutato, la Regione, le specifiche condizioni dell'offerta formativa nel settore in ambito regionale e la sua interazione con l'assistenza sanitaria.

Verso il polo sanitario

Lecce, corso di laurea in Infermieristica. Partirà il prossimo anno a UniSalento: 75 posti

È un ulteriore passo verso il polo sanitario del Salento, sul quale l'Università del Salento insiste ormai da qualche mese, con la costituzione dell'anno scorso del corso in Medicina, in ambito Medtec. «Siamo nelle condizioni di poter iniziare a rilevare questi corsi di laurea, già esistenti a Bari, per consentire al sistema regionale universitario pugliese di accrescere la propria capacità formativa. Noi subentriamo all'Uniba e liberiamo delle risorse del loro ateneo, è un progetto nell'interesse della regione, se la proposta passerà all'Anvur già da settembre di quest'anno. Poi entro il 2023 puntiamo a costruire l'azienda ospedaliera universitaria all'interno del Vito Fazzi, per cui abbiamo già avviato l'iter in queste settimane. Questo è il nostro orizzonte». «Nella convinzione che questa regione adesso ha una multipolarità: tre grandi poli, Bari, Foggia e Lecce, tutti e tre operanti nell'area della formazione sanitaria, con delle specializzazioni diverse. Noi siamo particolarmente interessati a un modello di sviluppo incentrato molto sulla tecnologia. Dobbiamo lavorare per creare una sinergia tra il sistema socio-assistenziale e il sistema produttivo. Vogliamo attrarre investitori che siano interessati alla medicina di frontiera, alla medicina di precisione, su questo stiamo lavorando da tempo con grande convinzione». Il prossimo passo sarà l'okay dell'Anvur, i posti dovrebbero essere 75 ma si tratterà soltanto di una classe per il primo anno, mentre il secondo e il terzo resteranno di competenza dell'Uniba. Dalla Regione Puglia, intanto, è già arrivato parere positivo.

L'assessore Leo

Bari, la protesta degli infermieri vincitori del maxi concorso: «Le Asl non rispettano le indicazioni. Meritiamo la sede opportuna»

«La pandemia - commenta l'assessore regionale all'istruzione, Sebastiano Leo - ha tracciato un quadro devastante sullo stato del personale sanitario nel nostro Paese, pochissime le unità rispetto alla mole di lavoro, spesso costrette a turni estuanti e massacranti. Stiamo lavorando con una visione, con una strategia che ci consentirà di formare nuovi profili, nuove figure in ambito medico sanitario da immettere subito nel mercato del lavoro. Per questo abbiamo accolto positivamente la proposta dell’Università del Salento che con questo corso di Laurea da settembre 2022 consentirà a 75 studenti e studentesse di diventare presto infermieri». «È evidente - ha aggiunto l’assessore alla sanità Rocco Palese - che il quadro sanitario richiede un impegno sempre maggiore anche di personale formato e da inserire subito nelle strutture sanitarie. In quest’ottica l'interazione con il mondo universitario è necessaria e urgente. Il territorio pugliese sarà ancora più pronto non solo a formare il personale ma anche a soddisfare il bisogno di lavoratori delle Aziende Sanitarie».

In attesa dell'approvazione

Adesso l'Università del Salento aspetta soltanto l'approvazione definitiva dell'Anvur, per poi partire. Con sullo sfondo l'istituzione dello stesso corso di laurea, prendendolo in carica anche in questo caso dall'Università degli studi di Bari, a Tricase, presso l'ospedale Cardinal Panico. E un futuro radioso con l'azienda ospedaliera universitaria. Non è un caso se l'inaugurazione dell'anno accademico era stato all'insegna del "One Health". Il grande progetto regionale, in questa direzione con il coordinamento dell'Uniba, verrà presentato domani da Emiliano in Regione. Per Unisalento è una svolta verso il polo sanitario. Il futuro è qui, ora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA