Salento, farmaci e ricette vuote nascoste in casa. Nei guai due infermieri

Salento, farmaci e ricette vuote nascoste in casa. Nei guai due infermieri
di Andrea TAFURO
3 Minuti di Lettura
Venerdì 29 Aprile 2022, 08:34 - Ultimo aggiornamento: 18:21

Truffa, peculato e falso sono i tre capi d'accusa con cui la Procura di Lecce ha disposto le perquisizioni, eseguite l'altra mattina dai carabinieri della Tenenza di Copertino, a carico di Giuseppe Muia, incensurato 60enne infermiere in servizio nel reparto di ortopedia dell'ospedale San Giuseppe da Copertino e di una collega 48enne, anche lei incensurata e in servizio nello stesso nosocomio, che hanno permesso di individuare nelle abitazioni e negli armadietti personali in ospedale dei due infermieri, la presenza di ricette mediche in bianco, alcuni timbri e farmaci ospedalieri.

Le indagini della Procura

L'attività avviata dalla Procura prenderebbe piede da un'indagine di più ampia portata su cui al momento vige il massimo riserbo da parte degli inquirenti, ma che ha raggiunto i primi risultati relativamente a ricette e certificati medici sulla cui veridicità e utilizzo indagano gli inquirenti. I militari della Tenenza di Copertino, guidati dal Tenente Salvatore Giannuzzi, mercoledì mattina si sono presentati nell'ospedale cittadino dove hanno individuato i due infermieri, e dopo aver effettuato il controllo degli armadietti personali, si sono diretti nelle abitazioni dei due per eseguire le perquisizioni domiciliari così come era stato disposto dalla Procura. In casa al 60enne sono state rinvenute ricette mediche in bianco e alcuni timbri con logo simile a quello dell'ospedale. Ma non solo, i controlli dei carabinieri, che hanno interessato anche l'abitazione al mare di proprietà dell'uomo, hanno permesso di individuare anche dei reperti di epoca romana, circa 10 grammi di marijuana, quattro tartarughe di specie protetta Testudo hermanni e una pistola semiautomatica calibro 6.35 con matricola abrasa, caricatore e quattro proiettili dello stesso calibro, detenuti clandestinamente. Il tutto poi sequestrato. Il ritrovamento inaspettato dell'arma da fuoco, ha fatto scattare quindi l'arresto in flagranza del 60enne, che poi su disposizione del magistrato di turno è stato condotto nel carcere leccese di Borgo San Nicola. L'arrestato è difeso dall'avvocato Alessandro My.

Le perquisizioni dei militari, come detto, sono proseguite nell'abitazione dell'infermiera 48enne, anche lei di Copertino. Le verifiche hanno fatto venire alla luce diverse confezioni di medicinali riservate alla gestione ospedaliera e altre tre tartarughe simili a quelle ritrovate in casa del collega. La donna è stata denunciata a piede libero. Al momento non risulta coinvolto nelle indagini altro personale dell'ospedale. Resta invece da comprendere dove erano destinati medicinali e certificati in bianco fuoiriusciti dal nosocomio e rinvenuti dai carabinieri, e quale indagine a più ampio raggio ci sia dietro le perquisizioni a carico dei due infermieri di Copertino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA