Roma, parte il piano anti degrado: in arrivo i primi 20 nuovi cestini per la spazzatura in centro

Lunedì, invece, si procederà con la nuova segnaletica per le «isole della differenziata»

Sabato 21 Maggio 2022
A Roma, per fronteggiare il continuo aumento dei rifiuti, sono in arrivano i primi 20 nuovi cestini per la spazzatura, su 100 permessi

Ci sono ancora troppi rifiuti per le strade di Roma, nonostante l'avvio delle misure anti degrado messe in campo dal Comune con l’obiettivo di migliorare la vivibilità del centro storico. Questo, non è di certo una bella vetrina per le migliaia di turisti che tornano ad affollare vicoli e piazze dopo due anni di pandemia. Come riporta il Corriere della sera, oggi verranno installati in centro i primi 20 nuovi cestini, sui 100 promessi dall’amministrazione, per far fronte alla maggiore produzione di rifiuti connessa alla ripartenza delle attività e al ritorno alla situazione pre Covid. 

 

Leggi anche > Roma, cinghiale investito e ucciso da uno scooter: feriti due motociclisti. L'animale stava attraversando la strada

 

Da piazza della Rotonda, al Pantheon, Fontana di Trevi e Campo de’ Fiori: la città avrà molti più cestini per la spazzatura. E le anfore acquistate dall’ex giunta Raggi per il momento non verranno dismesse ma riciclate in strade secondarie, in posizione defilata e meno visibile.

Lunedì, invece, si procederà con la nuova segnaletica per le «isole della differenziata», per evitare che le auto vi parcheggino sopra: le aree dove adesso si trovano i contenitori di media grandezza per il conferimento degli scarti verranno ampliate e i recipienti aumenteranno di numero. 

In parallelo Ama dovrebbe organizzare le due squadre da 10 operatori ciascuna di rinforzo al servizio ordinario, per intensificare le attività di pulizia e spazzamento. La stessa Ama comunica che negli ultimi tre mesi sono stati eseguiti interventi di pulizia straordinaria nei punti nevralgici della città, tra cui il lungotevere e l’Area archeologica centrale: «Operazioni complementari e aggiuntive che vanno ad affiancarsi al lavoro quotidianamente svolto sul territorio». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA