Archeologi trovano «iPhone» di 2.100 anni in una tomba dell'Atlantide russa

Lunedì 9 Settembre 2019 di Marta Ferraro
Archeologi trovano un iPhone di 2.100 anni in una tomba dell'Atlantide russa
Un gruppo di archeologi ha trovato uno strano oggetto rettangolare nero vicino allo scheletro di una donna in una tomba nel sito di scavo di Ala-Tey, nella Repubblica di Tuva, Russia, come riporta The Siberian Times. 

L'oggetto in questione ha un'incredibile somiglianza con il famoso smartphone della Apple.
I ricercatori hanno soprannominato la donna Natasha, mentre il suo accessorio è stato chiamato appunto iPhone. Il dispositivo ha quasi le stesse dimensioni del famoso cellulare e ha persino dei buchi nella parte superiore e inferiore che ricordano quelli dello smartphone.



In realtà, è la fibbia di una cintura di oltre 2.100 anni, rinvenuta in una tomba nella cosiddetta Atlantide russa, nome dato a una regione montuosa della Siberia, poiché è ricoperta d'acqua e appare solo per poche settimane all'anno.

Pavel Leus, uno degli archeologi che partecipano agli scavi, ha spiegato che il team ha effettuato diverse spedizioni nel luogo di sepoltura di Ala-Tey nel corso degli anni. Leus ha aggiunto che la scoperta dell'oggetto è stata fatta nel 2016, ma i risultati sono stati resi pubblici solo ora.

«La sepoltura di Natasha con un iPhone dell'era Xiongnu rimane uno dei più interessanti in questo sito di sepoltura», ha asserito l'esperto.

La fibbia, 18 per 9 centimetri, è realizzata con pietre preziose intarsiate con turchese, corniola e madreperla, ed è decorata con monete cinesi Wu Zhu. Queste monete hanno aiutato gli scienziati a datare l'oggetto 2.137 anni fa, quando furono coniati. Ultimo aggiornamento: 17:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA