Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucciso con venti colpi di pistola: vittima un dipendente di un autolavaggio. Al vaglio i filmati delle videocamere

Ucciso con venti colpi di pistola: vittima un dipendente di un autolavaggio. Al vaglio i filmati delle videocamere
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Luglio 2022, 19:54 - Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 11:01

Omicidio a Foggia, freddato con oltre venti colpi d'arma da fuoco davanti all'autolavaggio nel quale lavorava: è morto così un 37enne del posto, Alessandro Scopece, dipendente della stessa attività nei pressi della quale si è verificato il fatto. Sul posto è intervenuta la polizia, che adesso cerca di far luce con i rilievi balistici. Secondo una prima ricostruzione sarebbero stati esplosi almeno venti colpi, l'uomo è stato trasportato d'urgenza presso il Policlinico Riuniti di Foggia, dove è morto poco dopo.

Omicidio Foggia, indagini nel contesto criminalità

Per l'omicidio avvenuto in via Lucera gli inquirenti, almeno seguendo una prima pista, cercano nel contesto della criminalità organizzata. Si tratta del quinto omicidio in Capitanata nel 2022 di cui quattro irrisolti; terzo omicidio dell'anno a Foggia dopo quelli di Alessandro Scrocco e Roberto Russo.

Chi è Alessandro Scopece, la vittima dell'omicidio di Foggia

Alessandro Scopece avrebbe compiuto 37 anni a dicembre. Dal 2012 al 2016 rimase coinvolto in quattro blitz antidroga, ma sempre assolto o scagionato: il 25 settembre 2012 venne arrestato insieme a 14 persone in un operazione denominata «White Bridge», nel processo è stato assolto; un mese più tardi coinvolto nel blitz «Container» che portò all'arresto di 8 persone. Anche in questo caso Scopece è stato assolto. Il 22 novembre venne arrestato nel blitz Andromeda 3 e venne assolto in appello. L'ultimo arresto risale al novembre 2016, blitz «Riconquista», ma in quella circostanza Scopece venne scarcerato immediatamente perché emerse che non era lui la persona a cui si faceva riferimento in alcune intercettazioni. 

Al vaglio le telecamere della zona

A quanto si apprende, nel pomeriggio l'uomo era all'interno dell'autolavaggio quando è stato raggiunto probabilmente da due persone (non è ancora chiaro se a piedi o con un mezzo) che hanno sparato numerosi colpi di pistola ferendolo a morte soprattutto all'altezza del torace. Sul posto la squadra mobile sta ascoltando testimoni e sta analizzando i filmati delle telecamere di sicurezza della zona. Secondo recenti classifiche Foggia si piazza al secondo posto in Italia per delitti irrisolti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA