Esce per andare a giocare da una sua amica ma non torna più a casa, bimba di 9 anni violentata e uccisa

Mercoledì 21 Ottobre 2020 di Alessia Strinati
Esce per andare a giocare da una sua amica ma non torna più a casa, bimba di 9 anni violentata e uccisa

Esce per andare a giocare da una sua amica ma non torna più a casa. La piccola Rocío Abigail Riquel, di 9 anni è stata abusata sessualmente e uccisa sabato scorso poco lontano da casa, a San Miguel de Tucumán (Argentina). Un giovane di 24 anni è stato accusato del delitto, dopo che alcuni vicini hanno raccontato di averlo visto passeggiare con la bambina.

 

Leggi anche > Berlino, sfregiate 70 opere d'arte nei musei. Sotto accusa un complottista 39enne. «Luoghi di satanisti»

 

La piccola era uscita dicendo ai genitori che sarebbe andata a giocare a casa di una sua amica, ma non è più tornata. La mamma e il papà preoccupati hanno denunciato la scomparsa e dopo circa sette ore di ricerche la polizia ha trovato il corpicino privo di vita. Rocío è stata trovata morta a 400 metri da casa, a faccia in giù, parzialmente sepolta da un cumulo di terra.

 

L'autopsia ha confermato che la bambina è stata prima violentata, poi il suo aggressore ha provato a strangolarla ma non riuscendoci ha finito la piccola dandole un forte colpo alla testa. Alcuni testimoni hanno segnalato alla polizia di aver visto Rocìo accanto al 24enne, così per il giovane sono scattate le manette. Il ragazzo era uscito dal carcere da soli 3 giorni, dopo aver scontato la condanna per crimini sessuali ai danni di minori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA