Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Epidemia intestinale misteriosa, allarme in Nord Corea: Kim ordina quarantena di massa. Cosa sta succedendo

Il leader nordcoreano al popolo: "Contenere il focolaio il prima possibile"

Allarme in Corea del Nord, nuova epidemia misteriosa: Kim Jong-un ordina la quarantena di massa
Allarme in Corea del Nord, nuova epidemia misteriosa: Kim Jong-un ordina la quarantena di massa
3 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Giugno 2022, 11:04 - Ultimo aggiornamento: 11:48

Una nuova malattia intestinale spaventa il mondo. In Corea del Nord spunta una nuova epidemia misteriosa non ancora identificata e la reazione delle autorità di Pyongyang non promette niente di buono. Il Governo di Kim Jong-un, infatti, ha reso noto che il Paese sta affrontando un nuovo focolaio che si aggiunge a quello da Coronavirus e ha ordinato la quarantena di massa

Leggi anche > Covid, la curva si inverte: risalgono i decessi, il virus riprende la corsa. Costa: «Contagio zero impossibile»

A riportare la notizia è l'agenzia di stampa ufficiale in Corea del Nord, KCNA, che afferma che mercoledì 15 giugno sono state inviate medicine nella città di Haeju per aiutare i pazienti che soffrono di quella che viene definita «epidemia enterica acuta». Gli esperti sanitari sospettano che possano trattarsi di tifo o colera, ma ancora non c'è chiarezza. Come non è chiaro il numero di persone coinvolte.

La Corea del Nord si appresta a vivere un'altra emergenza sanitaria, nonostante sia ancora alle prese con il Covid. Il Paese infatti ha dichiarato lo stato di emergenza solo dallo scorso maggio e il governo di Pyongyang sembra essersi fatto trovare impreparato. Il Paese ha segnalato la presenza di 26.010 persone con sintomi di febbre, ma nel Paese mancano i kit per i test Covid. Molti sospettano anche che il governo abbia sottostimato i nuovi casi. Il bilancio delle vittime legato all'epidemia è di 73, afferma il governo, ma l'Organizzazione mondiale della sanità e altri hanno affermato di temere che la situazione sia molto peggiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA