«Kim Jong-un clinicamente morto», il sinologo Sisci: iniziata lotta di successione. Ma sulla sorte del leader è ancora giallo

Martedì 28 Aprile 2020
«Kim Jong un clinicamente morto», il sinologo Sisci: l'annuncio del decesso una volta conclusa la lotta di successione

​«Kim Jong-un dovrebbe essere clinicamente morto», e l'annuncio ufficiale del suo decesso potrebbe arrivare una volta conclusa la lotta di successione. In un'intervista all'Adnkronos, il sinologo Francesco Sisci, professore di Relazioni internazionale all'Università di Pechino, ribadisce la sua convinzione riguardo alle sorti del leader nordcoreano, assente ormai da 17 giorni dalla scena pubblica. 

Kim e il coronavirus, giallo sulla sua salute. Seul rassicura: «Fake news, sappiamo dov'è»

Una cosa già accaduta in passato, a onor del vero, e che stavolta potrebbe essere dovuta alla volontà di isolarsi in piena pandemia di Coronavirus. Seul ha bollato come fake news le voci sulla morte del leader nordcoreano e qualche giorno fa un treno che apparterrebbe a Kim è stato fotografato dai satelliti in un suo complesso di Wonsan, sulla costa orientale. Le immagini sono state scattate da 38 North, sito web specializzato sulla Corea del Nord. ​

Trump: «Kim Jong un? So ma non posso parlarne»
 


«Che io sappia è clinicamente morto - sostiene Sisci - Naturalmente potrei sbagliarmi, ma credo che la ridda di voci, le informazioni contrastanti, le mezze smentite e la sua continua assenza dalla scena pubblica mi pare confermino che appunto Kim è in stato vegetativo e fuori dalla politica attiva. Naturalmente è un momento molto delicato e non si può fare una crisi al buio. Credo quindi che l'annuncio della sua morte potrebbe arrivare quando la lotta di successione probabilmente in corso sarà conclusa».

Lotta di successione in cui al momento i due aspiranti candidati a prendere il posto del 36enne Kim sarebbero la sorella, Kim Yo-Jong, che avrebbe poco più di 30 anni e che è stata inserito nel Politburo del Comitato centrale del Partito dei lavoratori nordcoreano, e lo zio Kim Pyong-il, fratellastro del padre di Kim. «Il suo problema - osserva Sisci - è che è stato fuori dal paese per 40 anni e anche se sulla carta è più 'titolatò è fuori dai giochi, mentre Kim Yo-Jong ha avuto le mani dentro l'apparato per dieci anni». Fra questi due, «potrebbe emergere una terza possibilità». Il sinologo parla infine della missione di 50 medici inviata da Pechino in Corea del Nord nei giorni scorsi: «Io ho letto di questa cosa su un settimanale giapponese molto bene informato. Per quanto ho sentito io una equipe medica cinese era stata chiamata per cercare di rianimare Kim ma è se ne è andata quando ha visto che la situazione era disperata. Non sono certissimo di questo dettaglio, credo sia possibile anche probabile, ma non ho grandi sicurezze in merito».

​La Corea del Sud: fake news. Seul interviene assicurando dopo aver detto ieri che «è vivo e sta bene», che «il governo sa dove si trova» Kim Jong Un. Seul bolla così come «fake news e infodemia» tutte le voci sullo stato di salute del leader nordcoreano che sono arrivate anche ad ipotizzarne la morte.

Il Cremlino: «Nessuna informazione ufficiale su Kim Jong un». Il Cremlino non ha «informazioni ufficiali» sulla sorte di Kim Jong-un, ha reso noto il portavoce, Dmitry Peskov. Il leader nordcoreano è scomparso dallo scorso 11 aprile, quando è stato visto in pubblico l'ultima volta in occasione di una riunione dell'ufficio politico del Comitato centrale del Partito dei lavoratori. Quattro giorni dopo non ha preso parte alle celebrazioni per l'anniversario della nascita del nonno, Kim Il-sung. Russia e Corea del Nord mantengono aperte relazioni con scambi fra le diverse istituzioni.

 

 
 
 

Ultimo aggiornamento: 2 Maggio, 14:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA