Bankitalia, già in cammino il risiko "minore" incoraggiato dal governatore

Bankitalia, già in cammino il risiko "minore" incoraggiato dal governatore
di Osvaldo De Paolini
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Giugno 2022, 14:25 - Ultimo aggiornamento: 2 Giugno, 08:08

Nelle sue Considerazioni Finali lette il 31 maggio, il governatore Ignazio Visco indica con alcuni numeri lo stato di salute delle banche italiane in un quadro che egli definisce «complessivamente non negativo».

Alla fine del 2021 l’incidenza dei crediti deteriorati sul totale dei prestiti era scesa all’1,7%, la metà rispetto alla fine del 2019; per le grandi banche (le “significative”) la situazione era tornata in linea con quella degli altri intermediari vigilati dalla Bce. Il problema è la redditività, che resta bassa (un Roe al 5,4% contro una media europea di quasi il 7%) e che diventa ancora più modesta nelle banche di dimensione medio-piccole. Fatalmente, il prolungarsi del conflitto in Ucraina e l’accentuarsi delle frizioni nelle catene globali del valore «potrebbero portare – osserva Visco – a un rallentamento ciclico più marcato di quanto previsto e a un conseguente peggioramento della situazione finanziaria di famiglie e imprese» con conseguenze dirette sui bilanci degli istituti, che perciò sono invitati a «operare con prudenza sui fronti della classificazione dei prestiti».

Accanto all’invito alla prudenza, «l’azione della Vigilanza resta indirizzata a spingere gli intermediari» più orientati verso l’attività di intermediazione creditizia «a dotarsi di un governo societario in grado di formulare e attuare piani credibili e coerenti con le sfide poste dal contesto di mercato. È responsabilità degli organi aziendali – sottolinea ancora Visco – agire senza ritardi, anche sul fronte di possibili aggregazioni, per minimizzare il rischio che situazioni di difficoltà sfocino in irreversibili crisi aziendali». Il governatore indica i destinatari del suggerimento: si tratta degli istituti medio-piccoli «su cui già pesano difficoltà nell’azione di contenimento dei costi e che faticano a beneficiare di economie di scala». Dunque, accanto ai grandi merger che vedono protagoniste le banche principali, aspettiamoci una tornata di nuove aggregazioni nel “prato basso” del sistema. Le parole schiette dal governatore, più di altre volte, non lasciano dubbi: Via Nazionale ha già stilato l’elenco dei target potenziali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA