Telelaser contro l'alta velocità: posti di blocco in città e multe

Telelaser contro l'alta velocità: posti di blocco in città e multe
di Samantha DELL'EDERA
4 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 09:12

Tredici multe di cui 11 per eccesso di velocità. Questo il primo bilancio dei controlli con il telelaser predisposti dalla polizia locale per garantire una maggiore sicurezza sulle strade cittadine, dopo i tre investimenti mortali in due settimane a Bari. I particolari dispositivi in grado di rilevare la velocità delle auto in arrivo e quindi di sanzionare in caso di violazioni dei limiti sono stati disposti ieri mattina e pomeriggio in diversi punti della città: dal lungomare Di Crollalanza a via Ballestrero fino a via Buozzi.

I controlli


Delle tredici sanzioni emesse, quattro in via Buozzi per superamento dei limiti di velocità (tra i 10 e i 40 chilometri oltre il consentito, con decurtazione di tre punti dalla patente) e uno per superamento della linea longitudinale continua. Cinque sanzioni sempre per superamento limiti di velocità su corso Trieste, nella zona di Pane e pomodoro. Sul lungomare Di Crollalanza due multe per superamento del limite vigente di non oltre 10 chilometri e una per veicolo non sottoposto a revisione.
Per gli automobilisti che hanno superato il limite fino ad un massimo di 40 chilometri orari (oltre il consentito) la multa può arrivare anche a 694 euro oltre ai punti della patente decurtati.


I controlli della polizia locale proseguiranno nei prossimi giorni e riguarderanno anche altre zone della città come corso Vittorio Veneto, lungomare Starita o il lungomare di Palese e Santo Spirito. Per i prossimi due giorni saranno 290 gli agenti in servizio su più turni operativi. Un presidio rinforzato composto da pattuglie della polizia locale, polizia di Stato, carabinieri e finanzieri è previsto su Torre a Mare e sulle litoranee di Palese e Santo Spirito. Particolari servizi condivisi inoltre prevedono il controllo strategico di alcune zone centrali della città con pattuglie itineranti sulle aree della movida come la stazione, il Murattiano, l'Umbertino e Poggiofranco. Oggi e domani sarà assicurato un servizio specifico della polizia locale sulla tangenziale fino a Torre a Mare con un pick up della Protezione civile comunale per monitorare i flussi veicolari, con dotazioni di acqua in bottigliette per eventuali emergenze ed assistenza agli automobilisti. Un dispositivo particolare interforze monitorerà anche le litoranee per prevenire gli accampamenti sulla costa.
I servizi straordinari sono stati disposti per fronteggiare l'esodo di Ferragosto e gli spostamenti quindi verso le spiagge e per garantire una maggiore sicurezza sulle strade. A Bari in due settimane si sono verificati tre investimenti mortali: il primo il 29 luglio a Santo Spirito quando Gaetano De Felice, 47enne, con il suo figlioletto in braccio di sei anni, è stato travolto e ucciso sulle strisce pedonali da una moto. Il guidatore era senza patente e senza assicurazione. Il figlioletto si è salvato, protetto dal padre. Il 3 agosto una donna di 63 anni è stata travolta sulle strisce pedonali all'altezza del parcheggio di Pane e pomodoro, è morta dopo due giorni in ospedale. Ed infine l'11 agosto l'ultima vittima sulle strade di Bari: un anziano di 87 anni è morto travolto da un bus, mentre attraversava sulle strisce pedonali su viale Ennio, all'altezza dell'estramurale Capruzzi. Il sindaco Antonio Decaro, a poche ore dal terzo investimento mortale, ha annunciato il potenziamento dei controlli. «Continueremo ad allargare le aree in cui il limite di velocità è di 30 km/h, aumenteremo i controlli con il telelaser sugli itinerari di scorrimento, continueremo a restringere la larghezza delle strade con interventi di traffic calming che costringano i veicoli a rallentare», aveva detto su Facebook il primo cittadino. I telelaser sono rientrati in servizio nella giornata di ieri. Mentre per gli interventi sulle zone 30 da settembre si procederà con le strade del municipio IV (Carbonara, Ceglie e Loseto).
© RIPRODUZIONE RISERVATA - SEPA

© RIPRODUZIONE RISERVATA