Notte di paura all'ingresso del Demodè, colpi di pistola al buttafuori: è in prognosi riservata

Prima gli schiaffi poi i colpi di pistola

Notte di paura all'ingresso del Demodè, colpi di pistola al buttafuori: è in prognosi riservata
2 Minuti di Lettura
Domenica 14 Novembre 2021, 13:49 - Ultimo aggiornamento: 20:00

Due colpi d’arma da fuoco all’addome e alla coscia. È la sorte toccata ad un 45enne, addetto alla sicurezza del Demodè di Modugno, nel Barese, che ora è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale “Di Venere” di Bari. L’uomo, originario di Palo del Colle, sarebbe stato colpito davanti al locale intorno alle 3 del mattino. Indagano i carabinieri della compagnia di Modugno, sotto il coordinamento del comandante Corrado Quarta.

L'aggressione dopo la richiesta di esibire il green pass

L'aggressore avrebbe sparato perché gli sarebbe stato negato l'accesso in discoteca. Sarebbe questa la pista che stanno seguendo i militari che stanno acquisendo le immagini di videosorveglianza del locale notturno. Da una prima ricostruzione, l'azione sarebbe avvenuta in un minuto circa: sembrerebbe che l'aggressore si sia avvicinato alla vittima chiedendo di entrare con un gruppo di amici nella discoteca. L’addetto alla sicurezza ha chiesto loro di esibire il green pass, altrimenti non sarebbero potuti entrare nel locale. Ma il giovane ha cominciato prima a spintonare, poi a prendere a schiaffi il 45enne. Quest'ultimo avrebbe poi risposto allo schiaffo e, in quel momento, l’aggressore avrebbe tirato fuori una pistola, una calibro 9 corto, per sparare all’uomo.  Il 45enne è stato immediatamente soccorso dagli operatori sanitari del 118 che lo hanno trasportato in ospedale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA