Putin, lo yacht Scheherazade da 700 milioni di euro a Marina di Carrara non è suo: è di Khudainatov, un oligarca che non è nella black list Ue

Putin, lo yacht Scheherazade da 700 milioni di euro non è suo: è di Khudainatov, un oligarca che non è nella black list Ue
Putin, lo yacht Scheherazade da 700 milioni di euro non è suo: è di Khudainatov, un oligarca che non è nella black list Ue
di Valentina Errante
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2022, 20:01 - Ultimo aggiornamento: 12 Marzo, 15:25

Si chiama Eduard Yurievich Khudainatov, è un oligarca miliardario molto vicino al presidente russo Vladimir Putin, ma il suo nome non è nella "black list" dell'Ue.  Sarenbbe lui l'uomo del giallo, il proprietario effettivo dello "Scheherazade", il super yacht di 140 metri, ormeggiato a Marina di Massa, quello che il Nyt sospettava fosse prorpio di Putin. Khudainatov, ex presidente di Rosneft, la compagnia petrolifera di proprietà in maggioranza del governo russo; è adesso proprietario della Ojsc Independent Oil and Gas company. 

Abramovich, lo yacht Solaris (da 600 milioni) naviga senza meta nello Ionio: è al largo di Catanzaro

Il rapporto con Putin

Nel 2000, Khudaynatov ha diretto il quartier generale elettorale di Vladimir Putin nella regione degli Urali e nell'agosto dello stesso anno «per i successi lavorativi raggiunti e il grande contributo al rafforzamento dell'amicizia e della cooperazione tra i popoli» è stato insignito della medaglia dell'Ordine «per merito alla Patria». Una scalata al potere che lo ha portato fino a Rosneft. Oggi non è tra gli oligarchi sanzionati, ma nel 2017 due sue società, la Ipc e la Nnk-Promirnefteproduct, erano state sanzionate dagli Usa per avere violato l'embargo e avere venduto petrolio alla Corea del Nord.

La villa a Portofino

E come tanti altri oligarchi ama l'Italia, anche per questo nel 2015 avrebbe comprato per 25 milioni Villa Altachiara a  Portofino. Costruita dal conte di Carnavon e teatro della misteriosa morte della contessa Francesca Vacca Agusta.

Abramovich, lo yacht Solaris (da 600 milioni) attracca in un "rifugio sicuro" in Montenegro dopo 4 giorni di fuga

© RIPRODUZIONE RISERVATA