Toninelli: «Berlusconi mi ha querelato, chiede più di 200mila euro. Ma non li ho». Forza Italia smentisce

Giovedì 17 Giugno 2021
Toninelli querelato da Berlusconi: «Mi chiede più di 200mila euro, ma non li ho»

Danilo Toninelli afferma di essere stato querelato da Silvio Berlusconi. L'ex premier, secondo quanto raccontato dall'ex ministro M5s sui social, chiederebbe un risarcimento da oltre 200mila euro. Una somma che Toninelli dichiara di non possedere. «Berlusconi mi chiede non meno di 200mila euro di danni perché, secondo i suoi avvocati, lo avrei diffamato», scrive l'ex ministro su Facebook. «Pensate voi che in questi anni ne ho restituiti a tutti voi cittadini (anche a lui quindi) ben di più», aggiunge con vena polemica.

M5s, chi sta con chi? Conte, Di Maio, Casaleggio, Grillo: la mappa dopo lo strappo con Rousseau

Toninelli prosegue: «L'ho fatto volentieri, perché per noi del MoVimento 5 Stelle fare politica vuol dire mettersi al servizio dei cittadini, e non arricchirsi con i loro soldi». E attacca: «Forse Berlusconi non sa quindi che il conto corrente di un portavoce del MoVimento non è come quello di un parlamentare di Forza Italia o di qualsiasi altro partito. Io questi soldi non li ho, ma lotterò per difendere le mie ragioni». Berlusconi avrebbe citato per diffamazione Toninelli per una serie di dichiarazioni, rese fra il 2017 e il 2019, in cui veniva definito «impresentabile», «un condannato in via definitiva» e «barzelletta».

Castaldi (M5s): «Berlusconi querela Toninelli? Mondo al rovescio»

«Quando ho saputo che Silvio Berlusconi ha querelato il collega e amico Danilo Toninelli ho pensato che davvero il mondo cominciasse ad andare alla rovescia. Non entro nella vicenda specifica, ma come ha detto Danilo il conto corrente di un portavoce del MoVimento non è certo quello di Berlusconi, né quello di un politico di Forza Italia. La cifra che Berlusconi chiede a Toninelli noi l'abbiamo restituita ai cittadini, in misura molto molto superiore. Sarebbe bello se anziché dilettarsi in querele anche Berlusconi e il suo partito facessero altrettanto. Ma anche qui saremo davvero davanti un mondo che gira alla rovescia». Così Gianluca Castaldi, senatore M5S.  

Ghedini (Fi): «Falso, è Toninelli ad aver querelato Berlusconi»

«Leggo con stupore un comunicato del senatore Gianluca Castaldi del M5s, in cui lamenta che il presidente Berlusconi avrebbe querelato il senatore Toninelli. La notizia è palesemente erronea e priva di ogni fondamento». Lo precisa in una nota il parlamentare di Forza Italia, Niccolò Ghedini, avvocato di fiducia dell'ex premier. «In realtà, come è noto - sottolinea Ghedini - è stato il senatore Toninelli a querelare il presidente Berlusconi per una frase da questi asseritamente pronunciata, fatto del tutto, a parere di questa difesa, insussistente. Gli avvocati del presidente Berlusconi si sono limitati a raccogliere una piccola parte delle innumerevoli dichiarazioni svolte nei confronti di questi nel corso del tempo dal senatore Toninelli e hanno proposto un'istanza di mediazione di natura squisitamente civilistica e conciliativa senza proporre querela alcuna».

Video

 

Ultimo aggiornamento: 18 Giugno, 10:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA