Putin, rischio stop potere di veto nell'Onu. Russia potrebbe perdere anche il posto nelle Nazioni Unite

I funzionari statunitensi stanno spingendo perché i membri del Consiglio siano costretti a spiegare i loro veti

Putin, rischio stop potere di veto nell'Onu. Russia potrebbe perdere anche il posto nelle Nazioni Unite
Putin, rischio stop potere di veto nell'Onu. Russia potrebbe perdere anche il posto nelle Nazioni Unite
4 Minuti di Lettura
Sabato 24 Settembre 2022, 15:30

Il potere di veto di Putin all'Onu è a rischio. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden mercoledì ha chiesto che venga cambiato il modo in cui viene esercitato. Ma non solo. Tra le richieste c'è anche quella di un'espansione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. L'obiettivo è chiaro. L'organismo mondiale incaricato di promuovere la pace tra i popoli non funziona. Qualcosa va cambiato dopo la guerra in Ucraina portata avanti dalla Russia

Putin, il potere di veto a rischio: come funziona

La guerra in corso della Russia in Ucraina ha sottolineato la disfunzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che è dominato dai cinque membri permanenti che esercitano il veto: Gran Bretagna, Cina, Francia, Russia e Stati Uniti. Stati dotati di armi nucleari. Per garantire che il consiglio rimanga credibile ed efficace, i membri, compresi gli Stati Uniti, dovrebbero "astenersi dall'uso del veto, tranne in rare situazioni straordinarie", ha affermato Biden.

 

Come potrebbe cambiare

​Gli Stati Uniti sostengono anche l'aumento del numero di rappresentanti sia permanenti che non permanenti nel consiglio, una riforma che includerebbe "seggi permanenti per quelle nazioni che abbiamo sostenuto a lungo" e quelli in Africa, America Latina e Caraibi, ha aggiunto. I funzionari statunitensi stanno spingendo per una riforma del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, e una delle cose che vogliono vedere è che i membri del Consiglio siano costretti a spiegare i loro veti.

Gli Stati che potrebbero spingere per una riforma

Il discorso di Biden davanti all'Assemblea generale delle Nazioni Unite è stato accolto favorevolmente dal Giappone, che da tempo aspirava a diventare un membro permanente del consiglio di 15 membri. Sebbene i dettagli rimangano poco chiari, Washington potrebbe considerare Tokyo, India e la Germania come potenziali candidati da elevare. Il Giappone, stretto alleato degli Stati Uniti, è stato più volte eletto a un seggio non permanente nel consiglio. Brasile, Germania, India e Giappone formano il Gruppo dei quattro paesi che aspirano a diventare futuri detentori di seggi permanenti in un consiglio ristrutturato.

Il "rischio" Cina

L'amministrazione Biden, nel frattempo, sta anche guardando con diffidenza un altro membro permanente, la Cina, che ha spesso collaborato con la Russia per porre il veto e presumibilmente sta tentando di minare l'ordine internazionale basato sulle regole. Nel suo discorso, Biden ha accusato la Cina di condurre "un accumulo nucleare senza precedenti, senza alcuna trasparenza" e ha promesso di promuovere la pace e la stabilità intorno a Taiwan, un'isola democratica autogovernata che Pechino considera una provincia rinnegata in attesa di riunificazione, con la forza se necessario.

Come può influire sulla guerra in Ucraina

Una modifica del potere di veto potrebbe avere degli effetti sulla guerra in Ucraina. Ma soprattutto sulla minaccia (velata) dell'utilizzo di armi nucleari da parte di Mosca. Se i funzionari russi dovessero essere costretti a dare spiegazioni del loro rifiuto, allora potrebbe non essere efficace se non argomentato. Ne consegue che non sarebbe più esercitabile per il caso specifico, rimanendo quindi in una posizione di minoranza. Isolati dal resto del mondo. 

Irlanda contro la Russia

La Russia dovrebbe perdere il suo posto nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a causa della sua invasione dell'Ucraina, ha affermato il Taoiseach. Parlando con i giornalisti a New York durante la settimana ad alto livello delle Nazioni Unite, Micheál Martin ha affermato che la condotta della Russia non può essere conciliata con il suo posto nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che è dedicato alla conservazione della pace e alla prevenzione della guerra. Ha affermato che il ruolo della Russia come membro permanente del Consiglio di sicurezza è stato fondamentalmente messo in discussione. Il Taoiseach è stato particolarmente critico nei confronti del modo in cui la guerra è stata combattuta dalla Russia, che ha affermato di aver chiaramente violato "tutte le convenzioni conosciute", comprese le convenzioni militari sulla condotta della guerra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA