Chi è Gianluca Frabotta, il volto nuovo del Lecce: Corvino lo ha scelto, con Sarri ha esordito ma Pirlo lo ha lanciato

Chi è Gianluca Frabotta, il volto nuovo del Lecce: Corvino lo ha scelto, con Sarri ha esordito ma Pirlo lo ha lanciato
di Giuseppe ANDRIANI
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 12:57

Corvino lo ha scelto che aveva 15 anni, Sarri lo ha fatto debuttare in Serie A con la Juventus ma Pirlo lo ha lanciato. Chi è Gianluca Frabotta, il volto nuovo del Lecce, che si è presentato ieri? Intanto è un terzino con 18 presenze in Serie A, di cui 16 con la maglia della Juve. Mancino naturale, nelle giovanili ha giocato anche in una posizione leggermente più avanzata. Ha una certa predisposizione offensiva e non è del tutto un caso se sui social gli hanno già dato il soprannome, per assonanza evidentemente, di Gianluca Zambrotta. Suona simile, in fondo.

Gianluca Frabotta, la carriera

Sarà probabilmente il titolare, Frabotta, nel Lecce. Viene da una stagione a Verona che lo ha visto ai margini per un problema fisico, ma nella stagione precedente aveva giocato da titolare per 15 volte nella Juventus di Pirlo. E' questo il legame più forte della sua carriera, ma in realtà ancor prima, quando aveva 15 anni Corvino lo aveva scelto per le giovanili del Bologna. Arrivava dal Savio, una scuola calcio romana. E Frabotta si mise subito in luce. Il passaggio alla Juve lo vide inserito come contropartita nell'affare che portò in rossoblù Riccardo Orsolini. Prima, però, aveva già fatto la C con il Renate e con il Pordenone (ottenendo la promozione, 5 presenze). Alla Juventus l'esperienza nell'under23 (la cosiddetta squadra B), poi il passaggio alla prima squadra nella stagione con Sarri. Ha vinto lo scudetto, debuttando però a titolo già acquisito, nell'ultima giornata contro la Roma. 

Gianluca Frabotta, lo manda Pirlo

Con Pirlo, però, la vera svolta. L'ex numero 21 della nazionale gli regala addirittura l'esordio da titolare nella prima partita di campionato della sua gestione. Il racconto, di qualche mese fa, di Gianluca: "Mi ha chiamato nel suo ufficio e mi ha detto di stare pronto, che avrei giocato". Fece una buona gara, i bianconeri riuscirono a battere 3-0 la Sampdoria. Pirlo lo utilizzò spesso, un legame forte. Lo manda lui, del resto. A Verona i problemi fisici ne hanno condizionato il rendimento, lo aveva voluto Igor Tudor, vice di Pirlo in quell'esperienza alla Juventus. Il Lecce è la sua grande occasione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA