Napoli piange l'attore Carlo Croccolo: addio a 92 anni, recitò al fianco di Totò

Sabato 12 Ottobre 2019

Si è spento a 92 anni l'attore napoletano Carlo Croccolo. Ha iniziato la carriera nel 1950, interpretando alla radio la commedia "Don Ciccillo si gode il sole", in teatro "L'Anfiparnaso", diretto da Mario Soldati e al cinema il film "I cadetti di Guascogna". Recitò anche al fianco di Totò e fu per un certo periodo la sua voce.
 

 

Negli anni Cinquanta e Sessanta ha interpretato molti film con alcuni dei più grandi comici italiani, tra cui "47 morto che parla", "Miseria e nobiltà", "Totò lascia o raddoppia?" e "Signori si nasce" con Totò, "Ragazze da marito" con Eduardo De Filippo, "Non è vero... ma ci credo" con Peppino De Filippo.

Ha vinto il David di Donatello, nel 1989, per la sua interpretazione nel film '"O re". Negli ultimi tempi aveva ritrovato molta notorietà grazie alla fiction "Capri".

I funerali di Croccolo si terranno domenica 13 ottobre, alle ore 16, nella chiesa San Ferdinando a Piazza Trieste e Trento. Dalle 15,30 di oggi sarà aperta la camera ardente nell'aula consiliare del Comune di Castel Volturno, in provincia di Caserta. Lo riferisce un post pubblicato sul profilo facebook dell'attore.
 


Da trent'anni Carlo Croccolo aveva scelto il litorale casertano e in particolare Castel Volturno come suo buen ritiro; quella che negli anni '80 una era la località balneare preferita dei napoletani, poi abbandonata in seguito al terremoto e a un progressivo degrado, era per Croccolo la sua dimensione di vita, che condivideva con la moglie Daniela Cenciotti. «Una bella donna maltrattata» amava dire il grande attore di Castel Volturno, che poi lo ha onorato con la consegna delle chiavi della città nel 2017, in occasione dei 90 anni dell'attore. Croccolo ha cambiato due abitazioni, ma ha sempre vissuto in zona Pinetamare, caratteristica località di Castel Volturno, dove le case color sabbia ricordano sempre il mare. « Croccolo amava il mare» ricorda l'ex sindaco Dimitri Russo, colui che gli ha conferito le onorificenze cittadine. «Era una persona bellissima, con cui era stupendo parlare e confrontarsi. Una pietra miliare del teatro e del cinema italiano che aveva scelto la tranquillità di Castel Volturno per trascorrere la vecchiaia, facendo molto per questo territorio. Era sempre accanto alla moglie che organizzava commedie teatrali, che poi venivano rappresentate nelle scuole della città; una volta fui inserito anch'io come attore, ma per i miei impegni di sindaco non riusciì a imparare il copione; così durante lo spettacolo erano evidenti le mie lacune, ma lui, con il suo fare ironico, davanti ad una sala piena, disse che 'nella mia ignoranza ero stato molto bravo, e avevo reso l'idea'. Mi fece enormemente piacere la sua schiettezza e tutti risero».

«La scomparsa di Carlo Croccolo è un grande lutto per lo spettacolo italiano, che perde un attore, regista e doppiatore che con grazia e maestria ha attraversato tre generazioni di cinema e teatro. Pilastro della scena partenopea, a lungo a fianco di Totò nella vita e nella professione, è stato protagonista anche a fine carriera di convincenti interpretazioni che hanno donato gioia e allegria a molti». Così il ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, Dario Franceschini.

«Napoli piange la scomparsa di Carlo Croccolo, straordinario attore di cinema, teatro e televisione, autore di memorabili interpretazioni con Totò, De Filippo e De Sica. Due anni fa in occasione dei suoi 90 anni volemmo ricordare la sua meravigliosa carriera con la medaglia della Città che domani gli rivolgerà un commosso saluto. Rimarrà in ognuno di noi il ricordo del suo sorriso, della sua umanità e della sua splendida arte. Ciao Carlo !» così il sindaco di Napoli Luigi De Magistris. 

«Ciao Carlo, Fa buon viaggio e grazie». Così l'attrice Isa Danieli ricorda su facebook Carlo Croccolo, il grande comico scomparso oggi a Napoli all'età di 92 anni. La Danieli pubblica una foto che la ritrae insieme a Croccolo in una scena della serie tv 'Caprì nella quale l'attore napoletano interpretava il ruolo di Totonno. «Se n'è andato un pezzo importante del Cinema e del Teatro.

«Se n'è andato un compagno di vita tenero e amoroso. Se n'è andato, determinato e consapevole così come è vissuto. A noi tutti resta il dovere e la responsabilità di perpetuarne il ricordo e conservarne il sorriso» ha detto Daniela Cenciotti, la moglie di Carlo Croccolo. 

Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 09:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA