Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Stop al bullismo dal palco dell'Ariston», l'appello di uno studente leccese ad Amadeus

«Stop al bullismo dal palco dell'Ariston», l'appello di uno studente leccese ad Amadeus
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Gennaio 2022, 15:43

La lotta al bullismo passa anche dal Festival di Sanremo. Amadeus, presentatore della prossima edizione del festival della canzone italiana, ha ricevuto un appello affinché dal palco dell'Ariston si incitino i giovani «ad impegnarsi nel sociale». A rivolgere l'appello al padrone di casa della riviera ligure è stato il leccese Mirko Cazzato, il 20enne che da circa 6 anni contrasta il bullismo ed il cyberbullismo nelle scuole attraverso la startup sociale «Mabasta» dell'Istituto Galiliei-Costa-Scarambone di Lecce.

L'appello: da Lecce a Sanremo 

Mirko dice di essere disposto a salire sul palco sanremese per lanciare l'appello. Nell'ottobre scorso lo studente salentino è stato selezionato nella Top 10 del «Global Student Prize» (Chegg.org e Varkey Foundation), risultando tra i 10 studenti più impattanti al mondo, unico italiano e unico europeo.

A fine dicembre è stato insignito del titolo di «Studente dell'Anno 2021» dall'organizzazione «Your Edu Action». «Ci sono tante storie di giovani e giovanissimi - spiega - che si impegnano nel sociale, alcune arrivano alle cronache, alcune ricevono importanti premi e riconoscimenti, molte restano sconosciute, tutte sono importantissime ma sono sempre troppo poche, devono moltiplicarsi all'infinito, solo così avremo un futuro, una società ed un mondo migliore». «Spero tanto che questo mio appello arrivi alle orecchie di Amadeus e del mio corregionale Checco Zalone e che possano prenderlo davvero a cuore», conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA