Gestione non autorizzata di rifiuti speciali, sequestrata un'area di 10mila metri quadri a Collepasso

Gestione non autorizzata di rifiuti speciali, sequestrata un'area di 10mila metri quadri a Collepasso
2 Minuti di Lettura
Sabato 21 Novembre 2015, 10:16 - Ultimo aggiornamento: 10 Novembre, 11:26

I carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Lecce a Collepasso, al termine di un controllo ambientale effettuato presso la sede operativa di una ditta operante nel settore della rivendita di autovetture usate e pezzi di ricambio, hanno sottoposto a sequestro preventivo d’urgenza un’area di circa 10mila metri quadrati, non pavimentata, sulla quale era stata avviata un’attività di gestione non autorizzata di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi.

Si tratta di componenti di autovetture in metallo ed in plastica, parti meccaniche, materiale coibentante per automezzi, traversine ferroviarie e pali telefonici in disuso, bidoni in ferro di varia grandezza, componentistica elettronica e parti di computer, ingombranti e mobili vari, pneumatici esausti, insegne di esercizi commerciali e legname.

Al termine del controllo il legale rappresentante della ditta è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Lecce per gestione non autorizzata di rifiuti speciali, pericolosi e non pericolosi. Il valore complessivo dei beni sottoposti a sequestro è di circa 50mila euro.

A Corigliano d’Otranto, incece, i carabinieri del Noe hanno sottoposto a sequestro preventivo d’urgenza un’area di circa 200 metri quadrati di terreno agricolo sulla quale, dopo la preventiva asportazione del terreno vegetale esistente, erano stati stoccati rifiuti speciali non pericolosi costituiti da inerti da demolizioni edili. Anche in questo caso per il proprietario del terreno agricolo è scaturita una segnalazione alla procura della Repubblica di Lecce per gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA