Tevere, nuova vita per Ponte Marconi: arrivano il parco della Regione e la spiaggia Tiberis

Lunedì 16 Maggio 2022 di Lorena Loiacono
tevere_parco_ponte marconi_roma

Prende forma il parco del fiume Tevere all’ombra di Ponte Marconi: dopo anni di insediamenti abusivi, incendi, sgomberi e bonifiche, l’area golenale del fiume si sta trasformando in un parco. L’intervento, iniziato nell’estate scorsa con la Regione Lazio, negli ultimi mesi ha avuto dei rallentamenti ma ora le ruspe sono all’opera ed entro l’estate si conta di rendere fruibile almeno una prima parte del progetto. Si tratta dello spazio verde sotto Lungotevere di Pietra Papa, tra Ponte Marconi e via Enrico Fermi, ben visibile dalla ciclabile.

 
All’altezza del ponte si vede partire, infatti, un percorso pedonale che attraverserà un’area giochi per bambini, una per l’attività fisica all’aperto fino ad un chiosco che verrà assegnato con un bando. Prevista anche un’area riservata ai cani. Quasi 4 ettari di verde, con piante da riparo e vegetazione mediterranea, che tanto mancano nella zona. «Finalmente - spiega infatti Gianluca Lanzi, presidente del Municipio 11 - Marconi avrà una vera area verde, dove portare i bambini ma non solo. Sarà un punto di riferimento per l’intero quartiere come l’altra area verde sul Tevere della zona, quella di Magliana, molto apprezzata dai cittadini. Per l’estate potrebbe essere fruibile il percorso lungo il fiume. Vedremo come procederanno i lavori». Un po’ come già accade a Magliana, quindi, l’area potrebbe essere data in gestione ad associazioni del territorio anche per la manutenzione. 


Dall’altro lato del Ponte, invece, tornerà Tiberis, la spiaggia sul fiume voluta dalla ex sindaca Raggi. Il Campidoglio ha pubblicato online l’avviso pubblico per la gestione dell’area che dovrà avere una parte in sabbia e una di verde, per ospitare ombrelloni di giorno ed eventi culturali la sera. Con l’idea di lasciare una parte anche durante l’inverno per attività didattiche delle scuole. Negli anni passati, il bando andava deserto e l’apertura della struttura arriva spesso in ritardo. Quest’anno si spera di aprire prima, anche se per ora l’area è ancora incolta.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA