Milano, amore oltre la morte. L'incredibile storia di Laura che sposa il suo Andrea prima di morire

Dopo qualche giorno dal matrimonio, Laura se ne è andata

Una storia da raccontare, quella di Laura e Andrea che decidono di sposarsi a pochi giorni dalla morte di lei
Una storia da raccontare, quella di Laura e Andrea che decidono di sposarsi a pochi giorni dalla morte di lei
di Maria Bruno
3 Minuti di Lettura
Sabato 23 Aprile 2022, 11:35

Un amore oltre ogni limite. Un legame onorato fino all'ultimo giorno di vita, capace di restare saldo per sempre, anche dopo la morte. In eterno. La storia di Laura e Andrea tocca il cuore e trasmette un messaggio di forza e coraggio imparagonabili. Lei, 36 anni, era una malata terminale ricoverata all’Hospice dell’ospedale Niguarda di Milano, “Il Tulipano”. Lui, il suo partner, le è rimasto sempre accanto anche durante il ricovero e la lunga malattia. E' per questo che l'ultimo desiderio di Laura è stato quello di sposare il suo Andrea pochi giorni prima di morire. A raccontare la storia è proprio l'ospedale dove Laura era in cura che, sulla sua pagina Facebook, ha pubblicato le foto del matrimonio, spiegando con commozione l'accaduto. «Eventi come questo – scrive lo staff dell’hospice – ci spingono a proseguire con sempre maggiore professionalità e umanità il nostro lavoro» si legge nel post. 

Leggi anche > «Cantava e mi è partito il raptus»: così Davide ha ucciso mamma Fabiola

«Ancora una volta - proseguono - la cura prestata alle persone, pazienti e familiari, affidate al nostro Hospice “Il Tulipano”, ci ha portato a celebrare l’amore, in questo caso, quello tra Laura ed Andrea che hanno scelto di unirsi in matrimonio. È sempre un momento molto emozionante, che coinvolge l’intera équipe, volontari compresi. Un momento nel quale tutto lo staff si sente ‘privilegiato’ nel poter accompagnare, anche se con un fondo di tristezza, tappe significative della vita dei nostri pazienti». E ancora: «Sempre più siamo convinti che curare una malattia sia perdente, se non si prende a cuore la cura della persona nella sua globalità. Questo sempre, non solo in cure palliative o in fase di terminalità». 

Dopo qualche giorno dal matrimonio, Laura se ne è andata, lasciando in parenti e amici amarezza, ma al contempo un ricordo indelebile

© RIPRODUZIONE RISERVATA