L'auto si ribalta e prende fuoco: grave un 28enne, illeso il padre. In fumo l'incasso dei videogames

Giovedì 9 Gennaio 2020 di Michele IURLARO
L’auto finisce fuori strada, si ribalta e poi prende fuoco. I due occupanti riescono a sfuggire alle fiamme capaci, però, di distruggere completamente il mezzo e mandare in fumo, letteralmente, le banconote in esso contenuto. Poteva davvero finire in tragedia il sinistro registrato in mattinata sulla strada provinciale che collega Francavilla Fontana con la vicina San Marzano di San Giuseppe, a cavallo tra le provincie di Brindisi e Taranto, in agro della Città degli Imperiali.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, la Renault Clio su cui viaggiavano padre e figlio, entrambi di Francavilla e diretti a San Marzano, avrebbe perso aderenza sull’asfalto a ridosso di una curva per poi ribaltarsi nel terreno adiacente, terminando la sua corsa. Un’uscita di strada violenta e dagli esiti imprevedibili. I due occupanti, un uomo sulla sessantina e il figlio, entrambi operatori nel settore dei giochi elettronici e delle sale giochi, avevano da poco ritirato gli incassi di alcune macchinette da gioco e dopo l'incidente sono riusciti a strisciare fuori dal mezzo sulle proprie gambe. Poco dopo, l’auto ha preso fuoco sotto ai loro occhi.



Il rogo, in pochi istanti, ha avvolto l’utilitaria e bruciato l'incasso della giornata. Sul posto sono arrivati subito i vigili del fuoco del distaccamento di Francavilla, allertati da alcuni automobilisti di passaggio, insieme agli agenti del comando di Polizia Locale e alle autoambulanze del 118 che hanno accompagnato i due feriti all’ospedale Antonio Perrino di Brindisi. Fuori pericolo il papà, prognosi riservata per il ragazzo, un 28enne che ha rimediato diversi, gravi traumi al torace.

Schianto tra auto e pulmino: dieci braccianti tra i feriti
Passaggio a livello in tilt: paura sul bus degli studenti
Scoppia pneumatico e l'auto capotta: in ospedale intera famiglia

La stessa strada è stata già teatro, anche nel recente passato, di incidenti gravi. Lo scorso novembre, a circa un chilometro di distanza dal luogo dove si è verificato il sinistro di oggi, nello scontro tra due auto perse la vita il 22enne di Avetrana Pierfrancesco Copertino. Il giovane, morto sul colpo, era a bordo della sua Citroen C3 Pluriel. Da qui, le richieste dei residenti della zona, piuttosto popolosa anche in inverno, per l’installazione di semafori o la realizzazione di rotatorie, la pulizia dell’asfalto e l'installazione di adeguata illuminazione. 

  Ultimo aggiornamento: 22:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA