Caldo, è allarme: bollino rosso giovedì in 13 città da Trieste a Roma. Tregua nel weekend

Meteo, è allarme caldo giovedì in 13 città italiane contrassegnate dal bollino rosso del ministero della Salute. Se domani saranno 5 i centri urbani con il massimo livello di rischio per la salute a causa delle elevate temperature (Bolzano, Brescia, Firenze, Perugia e Torino), giovedì il bollino rosso è previsto anche a Bologna, Frosinone, Genova, Pescara, Rieti, Roma, Trieste e Verona. Il numero delle città dove l'afa mette a rischio la salute di tutta la popolazione è, quindi, quasi triplicato. 

Caldo, le api stressate non volano più: la produzione nazionale di miele crolla del 41%


Si tratta del massimo livello di rischio caldo, in una scala da 0 a 3, in cui spiccano anche 5 bollini verdi (nessun rischio): Palermo, Reggio Calabria, Messina, Bari e Cagliari. Le temperature, secondo le previsioni di 3bmeteo.com, arriveranno fino a 40 gradi in Sardegna e nelle aree interne tirreniche del Centro, mentre si attendono picchi di 36-38 gradi in Pianura Padana e nelle vallate alpine. Poste sul bordo orientale del promontorio africano, le regioni meridionali e del versante adriatico beneficeranno, invece, di temperature più vicine ai canoni dell'estate mediterranea, in un contesto a tratti ventilato. 

Roma, allerta caldo: il piano del Campidoglio per i soggetti a rischio
 

Contro i crampi estivi si devono mangiare tante banane? Un falso

Per quanto riguarda in particolare le città, al culmine dell'ondata di calore, sottolineano gli esperti di 3bmeteo.com, potranno registrarsi picchi di 39-40 gradi a Firenze, Terni e Ferrara, 37-38 gradi ad Alessandria, Vercelli, Novara, Pavia, Cremona, Lodi, Mantova, Bolzano, Trento, Rovigo, Vicenza, Verona, Piacenza, Parma, Modena, Reggio Emilia, Bologna, Siena, Arezzo, Grosseto, Viterbo e Frosinone e valori compresi tra i 35 e i 37 gradi a Torino, Asti, Cuneo, Milano, Bergamo, Como, Varese, Sondrio, Padova, Perugia e Roma. A Firenze è allerta per i soggetti più deboli, gli anziani, i malati.

Roma, «Troppo caldo lavorare al sole»: i vigili urbani vogliono i gazebo

L'assessore al welfare Andrea Vannucci chiede una mano a tutti, dai servizi sociali del Comune già pronti per le emergenze ai medici di famiglia ai cittadini. Responsabile di questa nuova ondata di calore è il progressivo rinforzo dell'anticiclone subtropicale sui settori centro-occidentali del Mediterraneo, che - sottolineano i meteorologi - determina condizioni stabili e ampiamente soleggiate sull'Italia, con correnti calde e secche che dal Nord Africa raggiungono in modo sempre più insistente la nostra Penisola, determinando un sensibile rialzo termico soprattutto al Centro-Nord. Per una sospirata tregua dalla canicola africana bisognerà attendere almeno quattro giorni: una decisa variazione del tempo, concludono gli esperti di 3bmeteo.com, potrebbe farsi strada nel corso del prossimo fine settimana, quando l'anticiclone verrà insidiato dall'afflusso di correnti più fresche e umide di origine nordatlantica.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Martedì 23 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento: 23:55
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti